comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:10 METEO:PONTEDERA10°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 02 dicembre 2020
corriere tv
Cacciari scherza su cosa farà a Natale ed esagera un po'

Cronaca martedì 09 settembre 2014 ore 17:10

Lista civica: "Degrado ai Villaggi"

La forza di opposizione punta il dito sull'amministrazione comunale e sul sistema di raccolta dei rifiuti. "Il quartiere è lasciato a se stesso"



PONTEDERA — “Villaggi e stazione, tra degrado e abbandono”. È il grido di allarme della Lista Civica indipendente che, con un intervento di Silvia Sacchini, punta il dito contro l’amministrazione comunale e sul sistema di raccolta dei rifiuti.

“La sporcizia la fa da padrona – si sottolinea – in una zona dove ormai ogni giorno troviamo cumuli di rifiuti lasciati per strada o nei giardini. Segno evidente che i soldi spesi per il sistema di raccolta Igenio, sono soldi buttati via. E se anche ci dicono che la metà li ha investiti la Regione è un mal dire, perché sono comunque soldi pubblici. E pensare che la prospettiva è quella di trovare prossimamente un aumento del 9% sulla tassa per i rifiuti. Perché i cittadini dovrebbero continuare a pagare per qualcosa che non migliora la loro qualità della vita ma che anzi li relega a cittadini di serie B?”

“Villaggi e stazione è un quartiere da cui giovani e intere famiglie se ne vanno verso zone più decorose e vivibili – rincara la dose l’esponente della lista civica indipendente –. È un quartiere emarginato dal resto della città, per via dell’assenza di collegamento coi mezzi pubblici e dove l‘amministrazione comunale è costretta a disseminare scatolette derattizzanti per la presenza di topi. Noi chiediamo che il Comune restituisca dignità e decoro a una parte della città che ha mille risorse da offrire e che ha fatto la storia di Pontedera”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Sondaggi

CORONAVIRUS