QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13°19° 
Domani 16°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 15 luglio 2019

Cronaca mercoledì 29 gennaio 2014 ore 13:35

​Osservatorio pisano sui furti di rame, ecco i risultati

In provincia di Pisa calano del 24 per cento, ma arresti e denunce aumentano del 170 per cento



PROVINCIA DI PISA — Un 2013 con meno reati, ma più arresti. Questo il quadro uscito dai dati dell’Osservatorio pisano sui furti di rame istituito dal prefetto Francesco Tagliente il 14 gennaio scorso. Sul territorio provinciale, nell’anno appena passato, l’azione delle forze dell’ordine ha portato infatti a una diminuzione dei furti del 24,6% rispetto al 2012 e a un incremento del 170% delle persone denunciate o arrestate.

“I dati – ha detto il prefetto Tagliente illustrandoli – risultano positivi e incoraggiano a proseguire con sempre maggiore determinazione”. A livello nazionale infatti i furti di rame sono diminuiti solo del 2,3% rispetto al 2012, le denunce sono aumentate del 28,4% e gli arresti del 19,8%. In Toscana, la provincia di Pisa è purtroppo la seconda provincia più colpita dal fenomeno con 218 furti, dopo Firenze che ne ha registrati 387.

Una lotta di prevenzione e contrasto che sembra essere necessaria, dato che il fenomeno dei furti di rame non di rado provoca l’interruzione di pubblici servizi essenziali ed ha ripercussioni di natura economica e sociale, ma anche sull’ordine e la sicurezza pubblica. Senza contare poi che spesso il materiale viene sottratto anche da chiese, cimiteri e private abitazioni.

Per gli ottimi risultati conseguiti sul territorio provinciale nel 2013, il prefetto Tagliente ha infine manifestato gratitudine al questore Gianfranco Bernabei e ai comandanti provinciali dei carabinieri Andrea Brancadoro e della guardia di finanza Marcello Montella, presenti alla riunione insieme al procuratore della Repubblica Ugo Adinolfi, al presidente del tribunale Salvatore Laganà e ai rappresentanti del corpo forestale, dell’agenzia delle dogane, della Provincia, del Comune di Pisa, dell’Enel, delle Ferrovie (RFI), di Telecom, di Geofor, nonché dell’Anie la federazione nazionale imprese elettrotecniche ed elettroniche.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Lavoro

Sport