Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PONTEDERA22°28°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo2020, impresa di Jacobs: oro storico nei 100 metri

Politica martedì 25 maggio 2021 ore 10:59

Macelloni "Sull'inchiesta Keu il Pd non può più tacere"

Il sindaco di Peccioli Renzo Macelloni

Intervento del sindaco di Peccioli "I tempi della giustizia non sono quelli della politica: i dirigenti PD devono parlare nell’interesse di tutti"



PECCIOLI — "Sono ormai 40 giorni che quotidianamente leggiamo sui giornali notizie relative all'indagine della DIA di Firenze in merito al presunto scandalo della gestione degli scarichi del depuratore della zona del cuoio. Ho seguito e sto seguendo questa vicenda con grande attenzione per varie ragioni: come Sindaco sento il dovere di occuparmi e di capire ciò che accade intorno, in special modo se questo riguarda problematiche ambientali. Lo faccio, poi, come cittadino e come componente del Partito Democratico, compagine che al momento si trova al centro dell’attenzione. Devo essere sincero: più leggo e cerco di capire e meno capisco!".

Lo dice il sindaco di Peccioli Renzo Macelloni, intervenendo in maniera accorata nel dibattito politico scaturito dalla "Inchiesta Keu" che tocca in maniera specifica il territorio provinciale pisano.

"Si parla tanto e si gira intorno a quel famoso emendamento, proposto dal Consigliere Pieroni (con la tecnica lancio il sasso e nascondo la mano), definito “aiutino” per permettere ai conciatori del consorzio Aquarno di poter mantenere l’AUA, autorizzazione unica ambientale, piuttosto che l’AIA, autorizzazione integrata ambientale, che prevede maggiori e più severi controlli", dice ancora il sindaco di Peccioli.
"Poi se andiamo a vedere bene e se ne scorre la cronologia si scopre che:
3 settembre 2019 Aquarno S.p.A. presenta istanza il per il rilascio dell'AIA.
28 novembre 2019 La Regione comunica l'avvio del procedimento per rilascio dell'AIA.
29 dicembre 2020 la Regione Toscana Con la conferenza dei servizi ha rilasciato al consorzio Aquarno l’AIA.

Se le cose veramente stanno così l'aiutino presentato il 26 maggio 2020 con l'emendamento “vai liscio” a che cosa serviva?

Domenica, con una intervista al quotidiano Il Tirreno, l'ex presidente della Regione Enrico Rossi parla esplicitamente di questa storia e dice con grande chiarezza che gli uffici della Regione già nel 2018 avevano esaminato l’emendamento ritenendolo inaccettabile. Sostiene, inoltre, di aver redarguito Andrea Pieroni sulle scale in Regione con un: “non vi azzardate a portare questa roba in Consiglio perché fate una cazzata, e comunque ve la bocciano perché contraria alle leggi nazionali”.

Inoltre si apprende sempre da Rossi che, fintanto che la Regione non è subentrata alle competenze precedentemente esercitate dalla Provincia con l’AIA ad Ecoespanso, poi volturata nel 2014 ad Aquarno per la produzione del Keu come materiale da riutilizzare."
"È vero - chiede Macelloni - che l’utilizzo del Keu come materiale di recupero era legittimo con la autorizzazione provinciale e non è legato al famoso emendamento che peraltro non è mai entrato in vigore?

il consorzio Aquarno ha cercato, giustamente dal suo punto di vista, di capire per quale motivo la Regione ritenesse non più sostenibile l’AUA, ma il 3 settembre 2019 comunque ha chiesto il rilascio dell'AIA.

Dal momento in cui il consorzio Aquarno si è convinto di richiedere l'AIA per quale motivo 8 mesi dopo col procedimento già in corso si insiste per presentare un emendamento che l'ex Presidente dichiara di conoscere bene e di avere informato chi lo presentava che era una cazzata e contrario alle leggi nazionali?

Se tutto quanto sopra riportato è corretto, come stanno veramente le cose?
Chiedo come cittadino, come Sindaco e come componente del Pd che su questa storia si faccia chiarezza. Non possiamo pensare di aspettare che a fare chiarezza sia solo la giustizia che seguendo il suo iter risponderà con tempi biblici non compatibili con quelli dell’opinione pubblica e degli abitanti delle zone interessate. Non ci possiamo permettere il lusso di non farci capire dagli elettori e dai cittadini su temi così importanti!

Ora il Partito Democratico, chiamato continuamente in causa, non può più tacere se non mettendo a rischio la sua credibilità e quella di tanti amministratori che non se lo meritano. Inoltre è doveroso rispettare i tanti militanti che sono turbati e confusi da questa vicenda. Chi è in grado di parlare ha il dovere morale di farlo subito".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nelle ultime 24 ore accertate trenta nuove positività al coronavirus sul territorio, una su tre riguarda cittadini pontederesi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Maria Grazia Balbiani Ved. Priami

Domenica 01 Agosto 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

Cronaca

Attualità