Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:11 METEO:PONTEDERA17°31°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Attualità martedì 26 aprile 2016 ore 06:30

Pioggia a parte la festa è servita

E la presenza del capo del governo è stato un altro onore per Pontedera e la sua storia. Anche se i problemi restano.



. — Forse, chi sa, gli stregoni che ballavano la danza per far piovere o per non far piovere riuscivano a ottenere qualcosa. Per ora nessuna città anche super tecnologica riesce invece a impedire che il cielo arrabbiato rovini un po' la sua festa o il suo appuntamento importante. 

Detto questo, e parlando sul serio, confermiamo il nostro parere già espresso prima della festa per il 70° compleanno della Vespa: nonostante tutto, critiche e momento critico, è stato giusto farla. Premesso che questo non è indubbiamente un buon momento per il lavoro alla Piaggio di Pontedera, come del resto è già successo altre volte a cominciare, per non andar troppo lontano, dai 3250 messi tutti insieme a cassa integrazione nei primi anni '80 e senza scadenze per il rientro, tanto che rientrarono in pochi, è stato un bene far questa celebrazione. E la presenza del presidente del consiglio dei ministri alla Piaggio, in una visita pur non aperta al pubblico ma come lo sono state tutte le visite 'vip' allo stabilimento, è stata importantissima dal punto di vista mediatico a favore della città.


Che lo si voglia o no, e in ogni epoca e in ogni forma di stato, ospitare il presidente del consiglio o della repubblica. o magari il re quando c'era anche in Italia, e così via, è un vanto e aiuta la città farsi conoscere. Per merito della Vespa, prodotto della Piaggio ma alla quale hanno lavorato e continuano a lavorare, pur con numeri minori, almeno 30-40 mila fra pontederesi e gente del circondario.


Dal punto di vista dei già ricordati problemi di lavoro, Renzi che giustamente vede nella Vespa un simbolo dell'Italia e il presidente Roberto Colaninno che promette di non lasciar 'mai' Pontedera, nulla cambiano a cosa si sapeva già. Che la Piaggio resterà a Pontedera con la testa e una parte del corpo, la mente e almeno un braccio, Roberto Colaninno lo va infatti ripetendo in ogni occasione da quando è arrivato in riva all'Era. Il problema è il lavoro che ora manca, ma su questo e sul perché di questo la discussione è in atto in campi più adatti e vitati, come quello sindacale, per cui Tuttopontedera non è l'organo più adatto per entrarvi. 


Per concludere, vogliamo però riprendere una frase del nostro compagno di scuola (alla Curtatone e Montanara) Claudio Nencioni, calciatore e operaio (scioperante) della Piaggio che nelle sue 'memorie' esamina anche i pro e i contro delle sue scelte di vita e soprattutto lavorative, concludendo con pacatezza e sincerità, che, in fin dei conti, la Piaggio gli ha dato un posto e uno stipendio per gran parte della vita. 

Per cui e tutto sommato, dice Claudio, Viva la Piaggio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il furto è avvenuto al ponte alla Botte, dove sono sparite sei vaschette di fiori che abbellivano la zona. La rabbia del sindaco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Francesca Viscariello

Venerdì 18 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità

Politica