Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:26 METEO:PONTEDERA18°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 23 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Palazzuolo sul Senio (Firenze), le ricerche del piccolo Nicola

Lavoro giovedì 07 aprile 2016 ore 10:52

Operai Piaggio in rivolta per il lavoro

Un momento dello sciopero

Decine di lavoratori hanno protestato davanti ai cancelli dell'azienda per l'eccessivo carico di lavoro e le condizioni precarie



PONTEDERA — Carichi di lavoro eccessivi. Materiali che faticano ad arrivare sulle linee. Strumentazioni vecchie e spesso difettose. Produzione in calo. Gestione del personale da rivedere. Gli operai Piaggio sono scesi in strada a protestare.

Lo hanno fatto questa mattina, guidati dai delegati delle liste sindacali Uilm, Fiom e Usb, con uno sciopero durato fino alle 11 di stamani, giovedì 7 aprile. Secondo gli operai l'azienda ha da tempo smesso di occuparsi dei loro diritti e questa sarebbe quindi solo il primo passo verso un braccio di ferro volto a recuperare potere contrattuale e maggiori diritti per i lavoratori.

"Manca il dialogo - spiega Gianpaolo Feliciani, delegato di Uilm - qui dobbiamo riconquistare il nostro ruolo e i nostri diritti. E' tutta la gestione dell'organigramma che deve essere riveduta". Per Feliciani i problemi non possono essere affrontati caso per caso: "Ovviamente bisogna conoscere i casi specifici. Ad esempio ci sono persone mal collocate, che faticano a svolgere il loro ruolo, o per motivi fisici o di età. Ma poi bisogna lavorare a un'agenda complessiva".

Gli operai spiegano di essere sottoposti a ritmi sempre più serrati. Il calo del personale, dicono, gioca a favore di questa situazione, che in molti non sono più disposti ad accettare. C'è poi il futuro della produzione, dai più visto con pessimismo: "Sui giornali abbiamo letto che le vendite sono in aumento - tuona Simone Selmi, delegato di Usb, di fronte agli operai raccolti davanti al cancello dello stabilimento. - Ma in realtà stanno svuotando il settore ricerca e sviluppo. Lo stabilimento in Vietnam è la fotocopia di quello a Pontedera e Colannino non si capisce che cosca voglia fare di noi".

"Nel reparto sperimentale hanno interrotto la solidarietà per ricollocare 23 persone, ma alla fine, i giorni in cui dobbiamo rimanere a casa vengono "pagati" da noi con le ferie: questo è inaccettabile".

Per Massimo Cappellini è necessario "Diminuire i carichi di lavoro del 10 per cento sulle linee di montaggio, per recuperare quel tempo di riposo che ci è stato sottratto nel 1995". Cappellini ha poi accusato i vertici di ignorare le istanze dei lavoratori: "Dobbiamo lottare per recuperare un ruolo e ristabilire un dialogo serio che finora ci è stato negato".

Anche Simone Bagnoli, di Fiom, ha preso la parola, dichiarando che "La diminuzione dell'organico si ripercuote sull'efficienza dei veicoli". Un meccanismo di tagli e ridimensionamenti che avrebbe "L'effetto di un boomerang" a lungo termine "Perché poi il cliente se ne accorge". E poi la fatica fisica: "Nel reparto verniciatura - ha informato Bagnoli - siamo scesi da 60 a 20 persone. Le prestazioni che ci vengono richiesta spesso sono mettono in difficoltà, perché l'età media dei lavoratori è ormai alta".

A scagliarsi contro la mancanza di investimenti è Simone Selmi di Usb: "Abbiamo visto la fine che hanno fatto Ibm, Aprilia e Olivetti. I 70 milioni della Comunità Europea dove sono finiti? - chiede. - Nel mio reparto non è arrivato un soldo". Selmi punta poi il dito poi sulle sulle reali intenzioni dei dirigenti: "Abbiamo sentito che non tutti i veicoli saranno dotati di motore euro 4, ci chiediamo allora se la strada non sia già tracciata: da settembre due linee meccaniche potrebbero essere chiuse".

I sindacati sembrano decisi a continuare la protesta. Massimo Cappellini, di Fiom, ha annunciato la volontà di indire scioperi giornalieri di 15 minuti su tutte le linee per costringere l'azienda al dialogo. Sono parole tese e cariche d'allarme quelle che si sono scambiati gli operai in strada. E che mal si accordano con il clima di festa in vista delle celebrazioni per i 70 anni della Vespa. Il sindaco Simone Millozzi, proprio ieri, aveva espresso la volontà di incontrare i sindacati in quel contesto, per parlare di lavoro: "Bene - risponde Selmi - siamo pronti al confronto".

Filippo Bernardeschi
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' arrivata l'ora della pensione per un professionista conosciutissimo e apprezzatissimo, con uno studio proprio nel centro cittadino
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Ilaria Testi

Lunedì 21 Giugno 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Cronaca

Cronaca