Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PONTEDERA10°18°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 22 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Clima, Draghi: «Quanto fatto non è sufficiente, dobbiamo invertire la rotta ora»

Attualità mercoledì 07 agosto 2019 ore 14:00

Controllo di Vicinato, firma in Prefettura

Vi hanno aderito quattordici Comuni della provincia di Pisa, fra i quali Volterra e i sette facenti parte dell’Unione dei Comuni della Valdera



PISA — Questa mattina in Prefettura a Pisa quattordici sindaci della provincia di Pisa e il prefetto, Giuseppe Castaldo, hanno sottoscritto il nuovo protocollo per dare vita al "Controllo di Vicinato".

Hanno firmato l'accordo i primi cittadini di Pisa, Cascina, Volterra, Santa Maria a Monte, Guardistallo, Crespina-Lorenzana, Fauglia e i Comuni dell’Unione Valdera (Pontedera, Casciana Terme-Lari, Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli e Palaia).

Alla sottoscrizione del protocollo erano presenti il Questore Paolo Rossi, il Vice Comandante Provinciale dei Carabinieri Ten.Col. Francesco Schilardi e il Comandante del Gruppo Guardia di Finanza di Pisa Magg. Roberto Lauretta, nonché i comandanti delle compagnie carabinieri di Pisa, Pontedera, San Miniato e Volterra.

Il Controllo di Vicinato, così come previsto dal protocollo sottoscritto, si configura come "uno strumento di prevenzione che presuppone la partecipazione attiva dei cittadini residenti in una determinata area o quartiere e la cooperazione con le Forze di Polizia statali e locali". Fare "Controllo del Vicinato" significa rafforzare ulteriormente, in un sistema di sicurezza integrata, il modello di collaborazione interistituzionale, attraverso il quale istituzioni pubbliche e soggetti anche privati - ciascuno per la propria sfera di competenza – collaborino per fronteggiare i fenomeni di microcriminalità generano insicurezza collettiva.

Gli obiettivi del progetto sono fissati in un vademecum operativo: contribuire all’attività di prevenzione e controllo del territorio; promuovere un processo di partecipazione attiva della società civile alla gestione della sicurezza pubblica, attraverso lo sviluppo di interrelazioni finalizzate ad avvicinare, sempre più, i dispositivi di prevenzione alla percezione dei cittadini; rafforzare il modello di collaborazione tra i cittadini e le Forze di Polizia statali e locali.

L'area del Controllo di Vicinato, che dovrà essere segnalata con adeguata cartellonistica conforme al Codice della Strada, indica ai potenziali malintenzionati che i vicini di quella zona si sono organizzati e applicano un controllo informale ma costante sul territorio, comunicando, attraverso i propri coordinatori, alle Forze di Polizia statali e locali, situazioni ed eventi di interesse, ovvero attinenti la sicurezza urbana e il degrado sociale.

L’attività di controllo di vicinato viene svolta da gruppi di cittadini nel cui ambito saranno individuati dei “coordinatori”; tale azione di controllo dovrà consistere nello svolgimento di un’attività di mera osservazione riguardo fatti e circostanze che accadano nella propria zona di residenza. Il coordinatore del gruppo avrà il compito di trasmettere le segnalazioni alle forze di polizia attraverso i numeri e gli indirizzi e-mail che saranno comunicati dalla Questura e dai Comandi Provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, attivati per le questioni che attengono alle aree di competenza.

Il protocollo vieta severamente qualsiasi iniziativa personale ovvero qualunque forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio, specificando che i cittadini devono astenersi da incaute iniziative personali e/o da comportamenti imprudenti, che potrebbero determinare situazioni di pericolo per sé e per altri; astenersi da intervenire direttamente e attivamente in caso di commissione di reati; non sconfinare in eventuali, possibili forme di pattugliamento attivo, individuale o collettivo, del territorio; astenersi dal segnalare fatti e circostanze che non siano stati oggetto di una appropriata osservazione e adeguata valutazione sul piano della potenziale pericolosità o che, comunque, appaiano manifestamente inidonei a rappresentare una possibile minaccia per la sicurezza, l’incolumità e la tranquillità pubblica.

Il protocollo avrà durata triennale a partire dal giorno della firma e prevede ogni semestre una verifica generale congiunta e, a cadenza trimestrale, riunioni tra i coordinatori del progetto, le Forze di Polizia e la Polizia locale.

Il prefetto ha ringraziato le amministrazioni comunali che aderendo al Protocollo, aperto a tutti i Comuni della provincia, assumono l’impegno di garantire la formazione dei cittadini che sono chiamati a collaborare con le Forze di polizia locali e statali fornendo alle stesse informazioni utili a prevenire e contrastare eventi e situazioni pregiudizievoli per la sicurezza delle aree cittadine.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' scomparso un uomo di 45 anni, molto conosciuto in tutta la zona. Stamani si sono svolti i funerali al Duomo di Pontedera
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità