Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:00 METEO:PONTEDERA13°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 10 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Treviso, incidente deltaplano: il video della tragedia

Attualità giovedì 24 settembre 2015 ore 13:05

Il tumore alla prostata si cura grazie ai geni

Lo studio tutto italiano finanziato dell’Università di Pisa è stato pubblicato sulla rivista Oncotarget. Nel team i i medici di Aoup e Lotti



PISA — Una ricerca tutta italiana e interamente finanziata dall’università di Pisa ha individuato i profili genetici con un valore prognostico favorevole nella cura del tumore alla prostata. Lo studio, durato quattro anni e condotto presso il dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa in collaborazione con l’Azienda ospedaliero universitaria pisana, l’ospedale Lotti di Pontedera e l’Irccs-crob (Centro di riferimento oncologico della Basilicata), è stato appena pubblicato sulla rivista Oncotarget.

“Il carcinoma della prostata è ancora una delle principali cause di morbilità e mortalità nei paesi sviluppati, e il numero previsto di casi di questo tipo di cancro nei prossimi 15 anni aumenterà di più del 20 per cento. - hanno spiegato Anna Solini e Guido Bocci dell’Ateneo pisano - La scoperta di biomarcatori in grado di identificare i pazienti con la prognosi migliore risulta quindi molto utile per meglio definire il corretto approccio terapeutico nel trattamento di questa malattia”.

I ricercatori hanno applicato un nuovo tipo di analisi dei risultati e cioè la survival dimensionality reduction methodology (SDR) che ha portato all’identificazione di un particolare profilo genetico (costituito dalla combinazione di genotipi del vascular endothelial growth factor receptor-2 e del recettore ionotropico purinergico P2X7) che risulta associato ad una maggiore sopravvivenza globale (126 mesi rispetto a 66). Sottoposti a questo screening non invasivo, i pazienti con prognosi sfavorevole potrebbero così beneficiare fin dall’inizio di trattamenti con farmaci innovativi e, d'altra parte, chi ha buona prognosi potrebbe optare per un trattamento meno aggressivo tra le opzioni terapeutiche disponibili.

Lo studio, finanziato con il Bando Ricercatori 2011 dell’ex Facoltà di Medicina e Chirurgia, è disponibile anche in versione open access (https://arpi.unipi.it/), accogliendo le recenti indicazioni dell’Ateneo in merito.

Il gruppo al completo che ha realizzato la ricerca è composto da Anna Solini, Paola Orlandi, Chiara Rossi, Teresa Di Desidero, Anna Fioravanti, Romano Danesi e Guido Bocci del dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa; da Vittorio Simeon dell’IRCCS-CROB, Centro di Riferimento Oncologico della Basilicata; da Lisa Derosa, Andrea Fontana, Luca Galli e Alfredo Falcone dell’Unità Operativa di Oncologia 2 dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana; da Sara Lucchesi, Luigi Coltelli, Laura Ginocchi e Giacomo Allegrini dell’Unità Operativa di Oncologia dell’ospedale di Pontedera.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono 16 i nuovi casi positivi registrati in Valdera nelle ultime ore. Stabile il numero dei pazienti Covid ricoverati all'ospedale Lotti
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Lola Calloni Ved. Antonelli

Domenica 09 Maggio 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità