Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 23:48 METEO:PONTEDERA14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 09 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Draghi: «Via d'uscita dalla pandemia è vicina, il Recovery è un'opportunità per le donne»

Attualità lunedì 20 novembre 2017 ore 11:58

Il Consorzio di Bonifica verso il commissariamento

Dopo la diffida arrivata dalla Regione, giunge la notizia delle dimissioni del direttore Giovanni Bracci, formalmente per sopraggiunta pensione



PISA — Appare sempre più impantanata, è proprio il caso di dirlo, la situazione del Consorzio di Bonifica 4 del Basso Valdarno, già Fiumi e Fossi, con competenze sui reticoli idraulici che vanno da Fucecchio fino a Marina di Pisa.

L'ufficio stampa dell'ente ha confermato a Il Tirreno le dimissioni del direttore generale Giovanni Bracci, formalmente per aver raggiunto l'età della pensione, finito nell'occhio del ciclone assieme al presidente Mario Monaco dieci giorni fa, con l'ultimatum arrivato dalla Regione.

Il presidente Rossi ha messo nero su bianco inefficienze e inadempienze del Consorzio 4, chiedendo ai dirigenti di ottemperare quanto prima, pena il commissariamento. 

Nello specifico, la Regione accusa il Consorzio 4 di non aver completato il programma concordato per manutenzione e pulizia di rii e fossi, chiedendo anche chiarimenti sia sul piano di organizzazione del personale interno (strumento con il quale si stabiliscono assunzioni, ruoli e competenze) sia sul compenso del direttore, "sulla quale la Regione aveva già chiesto delucidazioni senza aver ricevuto ad oggi risposte ritenute soddisfacenti".

In secondo piano, ma non per i cittadini, i costi delle bollette, aumentate negli anni a dismisura e sempre meno digeribili, anche a causa della scarsa trasparenza del Consorzio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Lavoro