comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°22° 
Domani 12°20° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 25 settembre 2020
corriere tv
A Lipari il tradizionale Sposalizio dei Faraglioni con una proposta di nozze e il ricordo di Lorenza

Lavoro martedì 20 settembre 2016 ore 11:00

Agricoltura, settore alla ribalta

Gli occupati nelle campagne crescono del 25 per cento. La Regione mette a disposizione delle imprese 28,5 milioni di euro



PISA — Più risorse e meno disoccupazione. Davanti al settore agricolo pisano si può disegnare un più.  Nell'ultimo biennio, nelle campagne gli occupati sono aumentati del 25 per cento (tra dipendenti e titolari d’impresa), salendo a quota 5mila.

Ad assicurarlo è Coldiretti, che all’indomani della pubblicazione dei due bandi destinati a finanziare gli investimenti delle imprese agricole, ribadisce il carattere dinamico del settore agricolo: "Ha la capacità di dare risposte al territorio sia in termini di occupazione che di tutela, mantenimento e salvaguardia -commenta Fabrizio Filippi, presidente Coldiretti Pisa- I nuovi bandi mettono a disposizione risorse essenziali per diversificare l’attività imprenditoriale e per far diventare le aziende agricole sempre più centrali nella vita quotidiana. Queste risorse sono una nuova iniezione di fiducia per il nostro settore e per i sempre più numerosi giovani che vogliono investire nelle nostre campagne”.

Veniamo ai bandi. Il primo, da 25 milioni di euro, è destinato a finanziare investimenti nelle attività di produzione, allevamento, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli, allo scopo di migliorare la redditività e la competitività delle aziende agricole e favorire il ricorso alle energie rinnovabili. I contributi potranno arrivare fino a 350mila  euro per quelle imprese che hanno più di 6 dipendenti e si impegnano ad attivare almeno due tirocini. Il secondo è dotato di un fondo di 3,5 milioni di euro, finalizzati ad incentivare gli investimenti per le attività di diversificazione aziendale ed economica, necessarie per la crescita, l'occupazione e lo sviluppo sostenibile nelle zone rurali e per contribuire a migliorare l'equilibrio territoriale, sia in termini economici che sociali, aumentando il reddito delle famiglie agricole.

Saranno concessi contributi anche a chi presenta progetti finalizzati all'efficientamento energetico e idrico, allo sviluppo di attività educative e didattiche, ad attività sociali e di servizio, incluse l'assistenza all'infanzia, agli anziani, alle persone con disabilità o svantaggio, ma anche a chi investe nelle attività di svago, ricreative, sportive e legate alle tradizioni rurali e alla valorizzazione delle risorse naturali e paesaggistiche. In questo caso – conclude Coldiretti - il contributo concesso dalla Regione è pari al 40 per cento dell'investimento, ma può arrivare al 50 se l'azienda ricade completamente in zone montane.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Politica

Attualità