Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PONTEDERA15°25°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 29 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Ecco i cani robot cinesi progettati per uccidere, il video sembra un film di fantascienza

Attualità domenica 28 gennaio 2024 ore 15:30

Abbattimenti dei tigli, "Era noto ormai da tempo"

Viale della Rimembranza

Il segretario di Fesical Confsal Russo espone la situazione delle alberature di viale della Rimembranza: "Scarso spazio e potature erronee"



PONSACCO — L'abbattimento e la nuova piantumazione dei tigli in viale della Rimembranza non convince fino in fondo il sindaco Fesica Confsal, che per bocca del suo segretario provinciale, Roberto Russo, espone i propri dubbi sull'operazione.

"Le spiegazioni dell’amministrazione comunale non hanno convinto del tutto alcuni cittadini e abitanti del viale, che si sono rivolti a noi - ha detto - la storia inizia da lontano: i tigli furono piantati nel 1923 per un'iniziativa governativa volta a ricordare i caduti della Prima guerra mondiale con un albero per ogni soldato scomparso del Comune. Inoltre, quel viale della Rimembranza, per decreto legislativo del 2004, è diventato un bene culturale".

"L'abbattimento, lo sradicamento e la piantumazione di 23 nuovi tigli, dopo che negli anni scorsi altri 7 avevano subito la stessa sorte, sarebbe un’opera preventiva destinata anche a salvaguardare l’incolumità delle persone - ha aggiunto - sul fine dell’iniziativa non discutiamo, perché gli esami diagnostici effettuati hanno evidenziato la presenza di avanzati fenomeni cariogeni causati dalla presenza di particolari funghi. Il fatto più preoccupante, però, è l’avere scoperto, dopo un accesso agli atti, che sui 100 tigli piantati nel viale, almeno 67 sono gli alberi interessati dai fenomeni degenerativi, di cui già i primi 23 sono stati rimossi".

Inoltre, per Russo, sono le tempistiche dell'intervento a destare qualche perplessità. "L’amministrazione ha dichiarato come l’intervento fosse urgente alla fine del 2023, quando la notizia era già presente in provvedimenti di inizio 2021, mentre la relazione dell’Università di Bologna era stata conclusa nel Febbraio del 2022 - ha spiegato - un’emergenza sui generis, con tempi assai prolungati".

"Altro dettaglio da non sottovalutare è che la relazione riporta due principali motivi come motivo dell’abbattimento - ha concluso - da un lato una erronea potatura degli alberi, che non ha rispettato il loro sviluppo naturale; inoltre, la posizione che offre un ridotto spazio di radicazione. Quest’ultimo passaggio ci dovrebbe far riflettere sul nostro approccio rispetto alla natura, che pretendiamo di inserire o di conservare all’interno dei nostri spazi urbani non sempre con grande successo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il ricordo commosso degli amici e della comunità in cui è cresciuto: un dolore profondo dopo aver convissuto a lungo con una malattia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità