QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 21°23° 
Domani 19°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 22 agosto 2019

Sport lunedì 22 luglio 2019 ore 17:10

Ponsacco nel profondo sud

I rossoblù sono attesi il 4 agosto a Monopoli per la Coppa Italia Tim. Un doppio debutto arrivato in un momento molto delicato



PONSACCO — Per la prima volta nella sua quasi centennale storia calcistica, il Ponsacco scenderà nel 'profondo' sud per debuttare nella Coppa Italia Tim, il torneo che che teoricamente può portare a finali con squadroni di serie A e Champions. Non è il momento migliore per un'avventura di questo tipo ma, comunque sia, bisogna presentarsi a Monopoli - circa 50 mila abitanti, squadra professionistica di C arrivata all'ottavo posto nel campionato scorso - per onorare l'impegno. 

L'unico precedente in qualche modo assimilabile fu la finale di coppa Italia Dilettanti -1981 - contro l'Internapoli, squadra partenopea che voleva andare lontano, disputata addirittura sulle colline della Valbrembana, provincia di Bergamo. Vinsero i napoletani per 1 a 0 e fu una grande delusione per le centinaia di ponsacchini presenti e arrivati con una grande catena di pullman.  Allora si era nel profondo nord mentre un'altra finale di Coppa fu giocata e persa sul campo neutro di Montecatini contro il Cittadella, ora in B.
9 e squadre di serie D, prima serie dilettantistica, ammesse a questo "altolocato" torneo. 

E il Ponsacco è l'unica formazione toscana presente. Poi ci sono le società di serie C, di B e di A, queste ultime destinate al traguardo finale, L'ammissione alla Coppa Tim è il frutto del secondo posto in campionato a un solo punto della prima (la Pianese promossa in C e che nella Coppa di categoria incontrerà il Pontedera la Pistoiese in un girone a tre) e della vittoria nei play off. Una stagione al tempo stesso esaltante e deludente per il mancato successo mentre la delusione ancora più grossa, ma ripagata dalla grande mobilitazione popolare per trovare i soldi necessari all'iscrizione al nuovo campionato, è venuta con l'arresto dell'amministratore delegato detentore del 98% delle quote sociali.
Diversi giocatori e l'allenatore hanno lasciato la squadra che ora si sta pian piano ricostituendo.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Spettacoli