QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 14 novembre 2019

Elezioni venerdì 17 maggio 2019 ore 17:22

"Pd non sa leggere e disconosce legge"

Caso del complesso immobiliare di via Rospicciano. Ecco la replica di "Fdi-Ponsacco la città di tutti" al Partito democratico



PONSACCO — "Il Pd non sa leggere e disconosce la legge" inizia così la replica Fdi- La città di tutti al Partito democratico sui recenti sviluppi del complesso immobiliare di via Rospicciano.

"Gli ultimi sviluppi di questa insana polemica e linciaggio, che stanno soltanto distruggendo gli ultimi barlumi di speranza per il futuro di Ponsacco, nel caso sciagurato che la sinistra mantenesse il governo, danno il senso dell’abiezione più radicata e della drammatica “voglia di sangue”, che si nasconde nella sinistra ponsacchina.

Siccome, però, il cittadino ha diritto di comprendere in maniera trasparente e veritiera lo stato dei fatti, ci preme sottolineare i punti salienti della questione:

a) l’esposto è una informativa che si trasmette alle forze dell’ordine o all’autorità giudiziaria nel caso che si voglia fare chiarezza su questioni o fatti che abbiano risvolti civili o penali. Il consigliere comunale, nella sua attività di controllo delle istituzioni pubbliche, detta sindacato ispettivo, è tenuto, nel caso ci sia anche il minimo dubbio o necessità di conoscenza ad avanzare delle richieste o a inoltrare appunto degli esposti. E’ quello che ha fatto il dott. Giuseppe Ruggiero (e non Ruggero come erroneamente si continua a chiamarlo) nel 2012, quando era consigliere comunale di opposizione, essendo venuto a conoscenza di vari fatti e non avendo né le competenze né le prerogative per appurare la realtà delle cose. Infatti tutto ciò è demandato alle forze di polizia appunto e alla magistratura.

Ci preoccupa, da questo punto di vista, non poco l’affermazione virgolettata, secondo le regole di stampa, pronunciata dal sindaco uscente Francesca Brogi, quando dice che con l’ordinanza cautelare nei confronti del sig. Giambra “si arriva finalmente a quella svolta tanto attesa”.

Quindi significherebbe che qualcuno, non noi, sapeva fin dall’inizio fatti che dovrebbero essere noti soltanto alla magistratura. Su questo non ci fermeremo e chiederemo spiegazioni e informazioni nelle sedi competenti.

b) la testimonianza del dott. Ruggiero fu richiesta e notificata da parte del Tribunale di Pisa, anche a seguito dell’esposto. Quella richiesta non poteva, certo, essere rifiutata e Ruggiero si presentò regolarmente all’udienza del 5 luglio 2017. In quel caso, però, il giudice non ritenne opportuno procedere all’interrogatorio e lo dichiarò di fronte a tutti. Anzi, per la precisione, ci fu una sola domanda da parte di chi? Da parte proprio dell’avvocato Francini, difensore dei tecnici e del sindaco Cicarelli,che fece in extremis una sola domanda, peraltro non attinente all’intera questione ed evidentemente subdola, poiché si riferiva ad un’informazione riguardante un familiare, come si desume dal verbale medesimo.

Quindi in maniera paradossale e ridicola, seguendo il ragionamento del PD, il dott. Ruggiero sarebbe stato testimone della difesa in quel frangente, rispondendo a quella domanda!

Le cose non stanno così, però. Bisogna chiedersi a chi può giovare questa tempesta in bottiglia. Sicuramente alla fine di un impero, quello PD, che ubriaco di paura non si perita sia come partito sia per mano dei propri emeriti supporter a lanciare maledizioni (da male dicere in latino) e offese irripetibili per tutti gli onesti, che affollano il centro destra e Fratelli d’Italia- Ponsacco la città di tutti, in particolare, sfociando troppo spesso nella calunnia e diffamazione a mezzo stampa. La cultura dell’antimafia e della legalità non è un’esclusiva della sinistra, ma è l’esclusiva di tutti i cittadini. Volere andare a fondo nella verità non può essere trasformata in una colpa.

Con questo riteniamo chiuso ogni discorso inutile e chiediamo scusa ai nostri concittadini di Ponsacco per esserci solo un attimo distratti dai nostri obiettivi fondamentali, che sono quelli mirati a garantire un degno futuro all’amministrazione della città a partire dai prossimi cinque anni dopo la vittoria alle elezioni comunali del 26 di maggio".



Tag

Venezia, le immagini aeree di Pellestrina invasa dall'acqua

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Cronaca