QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°13° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 19 novembre 2019

Attualità lunedì 13 marzo 2017 ore 19:00

Sversamento gasolio, via alle verifiche ambientali

Arpat ha avviato la campionatura dei terreni e delle falde acquifere in Val di Cava. Comune ed Eni hanno messo in sicurezza la zona



PONSACCO — "In merito alla possibile causa dell’accaduto, l’ipotesi di guasto accidentale sembra essere quella più probabile rispetto invece all’ipotesi del furto di carburante, vista la mancanza di segni di manomissione dell’impianto. In ogni caso, benché l’intervento non sia ancora concluso, la perdita è ferma già da ieri e il liquido è già stato aspirato dal terreno circostante". Queste le rassicurazioni che arrivano dal Comune in merito allo sversamento di gasolio dall'oleodotto Eni che collega gli impianti di Livorno e Calenzano avvenuto domenica mattina all'altezza di Val di Cava.

Dal municipio fanno inoltre sapere che sia ieri che oggi l'assessore all’ambiente Emanuele Turini, il comandante e gli agenti di polizia municipale insieme al responsabile dell’ufficio ambiente del Comune si sono recati sul posto e hanno appurato che si è trattato di "una perdita localizzata che i tecnici della compagnia di idrocarburi e di Arpat hanno già individuato e chiuso, mettendo in sicurezza quella parte di impianto e l’area circostante".

Arpat ha inoltre già attivato le verifiche ambientali previste per legge, in base alle quali la campionatura dei terreni limitrofi e delle falde acquifere permetterà di certificare se e in che misura ci sia stata una contaminazione.

"Gli esperti Arpat - spiegano nella nota stampa dal Comune - si sono dimostrati fiduciosi al riguardo, e anche qualora la così detta Soglia di Contaminazione, stabilita per legge, dovesse risultare superata, Eni dovrà farsi carico ed eseguire un progetto di bonifica volto a salvaguardare l’ambiente circostante".

Il sindaco Francesca Brogi fa sapere che i tecnici comunali sono in continuo contatto con i referenti di Eni ed Arpat, con i quali si sta monitorando la situazione in attesa di conoscere l’esito delle analisi in corso. "Ci auspichiamo - concludono - che la situazione possa tornare presto alla normalità e vigileremo su questo nell’obiettivo di salvaguardare il nostro territorio e i suoi cittadini".



Tag

Il Mose di Venezia, il rendering dell'infrastruttura: come opererà per regolare l'ingresso delle maree

Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Attualità