Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Cronaca venerdì 02 settembre 2016 ore 18:50

Pugni e graffi ai carabinieri in caserma

Così una donna di 41 anni è finita nei guai dopo che era stata fermata dai militari in una casa abbandonata usata spesso come luogo di spaccio



PONTEDERA — Attimi di tensione nella caserma dei carabinieri dove nel pomeriggio di ieri una donna di 41 anni ha aggredito con pugni e graffi i militari che lì l'avevano trattenuta perché trovata all'interno di un casolare abbandonato, spesso luogo di ritrovo di spacciatori.

I carabinieri si erano recati al rudere per eseguire le normali attività di controllo sul territorio. Vi hanno trovato due uomini di origini maghrebine e in seguito è arrivata la donna italiana che ha affermato di aver lei stessa affittato quella casa ai due.

Dubbiosi che stesse raccontando il vero, i militari hanno condotto i tre in caserma per approfondire la questione. Qui la donna ha iniziato a dare in escandescenza aggredendo i carabinieri.

Per lei è quindi scattato l'arresto con l'accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella provincia di Pisa, tra ieri e oggi, sono state registrate oltre 1.400 nuove positività. In tutta la Regione, invece, sono 11.761 i contagiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

STOP DEGRADO

Sport

STOP DEGRADO