QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°19° 
Domani 12°22° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 21 settembre 2019

Attualità lunedì 30 maggio 2016 ore 19:25

Autodromo, la scelta alla famiglia Giannetta

Il progetto sull'area

Dal Comune aspettano il riacquisto dell'area sequestrata. Medici ci crede ancora: "Confermiamo l'investimento e spingiamo per la realizzazione"



PONTEDERA — L'autodromo Giovanni Alberto Agnelli nascerà a patto che la famiglia Giannetta riacquisti i terreni dal Comune e sblocchi l'impasse burocratico che, a quanto pare, sta bloccando i lavori. Il nodo che sta rallentando la nascita dell'impianto è dovuto, a quanto spiegano dal Comune e dalla società Pluris, al decesso di uno dei familiari Giannetta che, a causa degli atti di successione, ha impedito a oggi il riacquisto del terreno dove dovrebbe nascere l'autodromo. L'area era divenuta proprietà del Comune a seguito del sequestro dovuto ad alcune irregolarità.

Il ping pong su chi deve fare la prima mossa per dare il là ai lavori ha indicato la famiglia Giannetta. E' questo quello che è emerso dalle parole che abbiamo raccolto dal sindaco Simone Millozzi e da Filippo Fatticcioni nonché dal presidente della società Pluris, Alfredo Medici.

Il presidente di Pluris Medici ha detto di credere ancora nel progetto: "Confermiamo 30 milioni di euro di investimento. Il primo stralcio di lavori avrà un costo minore però, mi riferisco alla costruzione della pista e dei punti di ristorazione". Medici ha passato la palla alla famiglia Giannetta: "Noi stiamo spingendo affinché la famiglia sistemi questi atti di successione, una volta che li avrà sistemati procederemo con l'inizio dei lavori".

Dal Comune, Millozzi ha confermato che entro pochi giorni invieranno una diffida ad adempiere alla famiglia Giannetta. Il documento mette i familiari di fronte a un bivio: comprare il terreno a un prezzo fissato, 184mila euro, oppure rinunciarvi. In caso di rinuncia il terreno andrà all'asta: "Quel terreno è entrato nel patrimonio del Comune - hanno spiegato Millozzi e Fatticcioni - gli accordi prevedevano la rivendita alla società costituita dalla famiglia Giannetta per 184mila euro. La chiusura dell'atto ha subito un rallentamento a causa di un decesso di un familiare Giannetta. Ci sono stati quindi ritardi per le pratiche della successione".

E questo il nodo burocratico che sembra bloccare la faccenda: "I Giannetta - ha ripreso il sindaco - a marzo ci hanno risposto che tra la fine del mese e l'inizio di aprile sarebbe stata chiusa la faccenda della successione. Ad aprile era effettivamente chiusa, così abbiamo invitato i Giannetta a concludere la bozza d'acquisto. Li abbiamo formalmente sollecitati chiedendo un raffronto, ma adesso stiamo preparando una diffida ad adempiere e se non adempiono lo rimetteremo all'asta pubblica per tutti. Il prezzo di base sarà lo stesso, la perizia del Comune ha stabilito 184mila euro. Ma è un'asta e potrebbe salire".

Il progetto dell'autodromo è visibile a questo indirizzo: http://www.comune.pontedera.pi.it/autodromo/

Il circuito denominato Autodromo Giovanni Alberto Agnelli è progettato con una larghezza minima di 12 metri e massima di 16, misurando complessivamente 3500 metri.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

«Rilanciamo il turismo con le donne in vetrina», la proposta del consigliere regionale leghista toscano che indigna

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Politica