Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA21°33°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 27 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La grandine manda in tilt l'autostrada A1: auto devastate, parabrezza sfondati e code infinite

Attualità giovedì 05 novembre 2020 ore 09:31

"Cari sindaci piantiamo alberi, noi ci siamo"

Un'area verde
Un'area verde

Il bando della Regione per la piantumazione in Comuni inquinati scade a fine dicembre. Legambiente scrive ai Comuni della Valdera e del Valdarno



PONTEDERA — Con una lettera aperta ai sindaci del Valdarno e della Valdera, l'associazione ambientalista Legambiente è intervenuta per ricordare l'importanza degli alberi e della loro piantumazione nelle città, in virtù del fatto che c'è un bando da 5 milioni di euro della Regione Toscana per creare nuove aree verdi in 63 Comuni con maggiori problemi per la qualità dell’aria. Legambiente ha offerto il proprio aiuto agli enti per organizzare nuove piantumazioni.

I Comuni che possono partecipare al bando sono: le città di Arezzo, Grosseto, Livorno e Pisa; il Comprensorio del cuoio; la Media Valle del Serchio; l'agglomerato di Firenze; la Piana lucchese, la Piana Prato-Pistoia; il Valdarno superiore; la Versilia con Camaiore e Viareggio; Massa Carrara; l'area industriale e urbana di Piombino.

"Gli alberi - hanno scritto dall'associazione - ci fanno respirare e sono i nostri migliori alleati per ridurre la presenza di particolato e di inquinanti nell’aria, assorbono la CO2 e rinfrescano le nostre città. In attesa di piani di rigenerazione urbana e di azzeramento delle emissioni legate ai trasporti, al riscaldamento e alle attività produttive soprattutto nelle città, la C02 va combattuta proprio là in città dove si crea per la cementificazione, le strade strette, il traffico. La correlazione tra qualità dell’aria, soprattutto in presenza di polveri sottili, e malattie respiratorie è ormai chiara, le vittime sono molte ed il Covid19 ha ulteriormente aggravato i danni provocati dall’inquinamento". 

Da Legambiente hanno lanciato un monito sulla qualità dell'aria del territorio in cui viviamo: "Uno studio ha stimato che in Italia nel 2019 ci siano state 81mila morti premature a causa delle PM2, 5 del biossido d’azoto (NO2) e dell’ozono (O3). La bassa valle dell’Arno presenta caratteristiche molto simili alla pianura Padana che è tra le aree più inquinate al mondo". 

Legambiente ha le idee chiare sul da farsi: "Un semplice passo per cercare di migliorare l’aria che respiriamo sta nel dotare i centri urbani di aree verdi sempre più diffuse e collegate con corsi d’acqua e boschi che oltre a filtrare l’aria ci rendono più felici anche solo per una breve passeggiata. Lo stanziamento di 5 milioni di euro che la Regione Toscana ha messo a disposizione dei 63 Comuni con maggiori problemi per la qualità dell’aria, per i ripetuti sfioramenti dei limiti di inquinanti, può essere un buon punto di partenza per pensare alla ri-progettazione delle città. La nostra associazione è disposta a sostenervi in questa impresa, con le nostre competenze e il nostro impegno. Il bando è stato prorogato fino al 31 dicembre, i comuni non sprechino questa occasione".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ancora numeri a due cifre sui nuovi casi di positività in Valdera. Sono 31 in provincia di Pisa e 361 in tutta la regione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Angiolo Giubbolini

Domenica 25 Luglio 2021
Onoranze funebri
Mancini & De Santi Capannoli, Fornacette
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità