QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 14 dicembre 2019

Spettacoli lunedì 18 luglio 2016 ore 11:28

Charlie festeggia con i Gatti Mezzi

Tommaso Novi e Francesco Bottai, i Gatti Mezzi

In occasione del 25esimo anno di Charlie Telefono Amico la onlus ha organizzato in piazza Cavour il concerto del duo pisano. I numeri del servizio



PONTEDERA — Il concerto, ad ingresso gratuito è in programma martedì 19 luglio alle 21.30 in Piazza Cavour a Pontedera. Charlie ha raggiunto quest’anno un importante traguardo. Il telefono Amico, creato nel 1990 come punto di riferimento per tutte le situazioni connesse a tossicodipendenza, alcolismo e aids, da anni ha esteso il proprio raggio di azione ad ogni tipo di problema, e ad ogni fascia di utenza, con un occhio di riguardo nei confronti delle delicate problematiche adolescenziali e giovanili.

Charlie, che ha sede a Pontedera ma risponde a chiamate provenienti da tutta Italia, rappresenta una delle realtà di servizio più consolidate ed importanti della Valdera e da sempre, oltre a fornire un prezioso servizio di ascolto riservato ed anonimo, offre l’opportunità di affiancarsi alla propria attività, mediante corsi di formazione gratuiti sulle tecniche di ascolto consapevole e sulla relazione d’aiuto, e la possibilità di fare un’interessante esperienza di volontariato presso la sede del telefono amico.

In 25 anni Charlie ha formato oltre 600 persone e risposto a decine di migliaia di telefonate. Charlie non è in grado di offrire soluzioni ma garantisce accoglienza, ascolto, compagnia e sostegno psicologico.

La Fondazione Charlie Onlus opera sul territorio della Valdera e collabora con enti pubblici e scuole in progetti dedicati alla popolazione giovanile, tra questi il progetto fateci stà bene promosso dal comune di Pontedera, che ha l’obiettivo di intercettare comportamenti di abuso e atti di bullismo nell’ambito delle scuole e in altri luoghi di ritrovo degli adolescenti.

Nell’ultimo anno di attività gli operatori di Charlie hanno risposto a circa 3000 chiamate. I dati del numero verde rivelano che i maschi rappresentano ancora una volta la fascia di utenza più estesa (il 65 per cento). I principali problemi affrontati sono la solitudine, le difficoltà relazionali e sessuali e, tra i più giovani, sono i aumento le segnalazioni di episodi di cyber bullismo e autolesionismo.

In generale il tema più affrontato è la solitudine: oltre il 40 per cento del totale degli utenti, hanno chiamato per parlare dell'isolamento in cui sentono di vivere o dell'impossibilità di comunicare agli altri questioni importanti della propria vita.

Emerge inoltre il tema della malattia, dell’handicap, e della solitudine delle persone con un handicap fisico grave. Molto spesso queste persone non hanno modo di muoversi da casa e non possono parlare liberamente con chi si prende cura di loro per il timore di appesantire ulteriormente la loro condizione di non autosufficienza.

A chiamare Charlie sono soprattutto i single. Il 90 per cento delle telefonate in cui si parla di problemi sessuali provengono da uomini non coniugati e dalle conversazioni emerge un forte senso di inadeguatezza e la percezione della donna come fortemente esigente sul piano sessuale, economico e di successo in generale. Le problematiche sessuali sono al contrario un tema sostanzialmente assente nelle telefonate delle donne.



Tag

Piazza Fontana, il giornalista del Corriere che era nella banca: «Mi salvò un caffè»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Lavoro

Cultura

Attualità