comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°23° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 05 giugno 2020
corriere tv
Coronavirus, Bersani: «Con centrodestra al governo i cimiteri non sarebbero bastati»

Attualità venerdì 27 marzo 2020 ore 14:56

Covid-19, le difficoltà dei pazienti autistici

I familiari dei pazienti affetti da autismo chiedono deroghe al Dpcm per stare qualche ora all'aria aperta, cosa condivisa anche dalla Usl



PONTEDERA — Nei giorni scorsi le associazioni che sul territorio si occupano di autismo ( vedi articolo correlato ) avevano lanciato un appello per avere deroghe al Dpcm che vieta gli spostamenti.

"Rimedi per calmare o distrarre i nostri figli sono le lunghe passeggiate, in auto o a piedi, in luoghi a loro congeniali", era stato scritto. Sostanzialmente stare all'aria aperta è un bisogno terapeutica per chi è affetto da autismo e l'appello era stato raccolta dalla consigliera regionale M5s Irene Galletti:"Uscire da casa è una necessità sanitaria", aveva spiegato rilanciando la richiesta.

Nei giorni scorsi è stata la stessa azienda Usl Toscana nord ovest a riproporre la questione sul piano istituzionale con una specifica richiesta formulata a prefetti, sindaci e forze dell'ordine. dove viene confermato "Che per alcuni dei bambini e dei ragazzi, seguiti presso i nostri Servizi di Salute Mentale Infanzia ed Adolescenza ed affetti da disturbo dello spettro autistico, la forzosa permanenza presso il proprio domicilio per le recenti disposizioni del Governo volte a limitare il contagio da coronavirus, è stata ed è causa di grave alterazione del loro già molte volte precario equilibrio psichico" e se ne raccomanda dunque la necessità di poter uscire di casa con i familiari, ovviamente con la necessaria autocertificazione.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità