Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 17 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Vaccino obbligatorio per la tutela di tutti»

Attualità martedì 29 marzo 2016 ore 13:01

Il giorno in cui un generale vide la Vespa

La Vespa nel 1946 (foto fb Museo Piaggio)

70 anni fa, prima che venisse depositato il brevetto, la Vespa 98 veniva presentata a Roma al cospetto del capo delle forze alleate in Italia



PONTEDERA — Sono passati 70 anni dal giorno in cui il prototipo realizzato da Corradino D'Ascanio vide la luce e conobbe i primi giudizi del pubblico. Fu il primo passo per la due ruote più famosa d'Italia, destinata a lasciare un profondo segno nei cuori degli appassionati di motori e anche negli annali della meccanica.

La presentazione ufficiale della Vespa 98 ebbe luogo il 29 marzo 1946 nel circolo golf di Roma: fra gli astanti c'era anche il generale Stone, all'epoca capo delle forze alleate in Italia. L'accoglienza del modello non fu unanime: qualcuno lo giudicò un mezzo instabile, dotato di poca potenza e in buona sostanza inutile; altri ne colsero subito le potenzialità e il design innovativo.

Presto gli ingranaggi dell'industria pontederese sfornarono 2mila esemplari a due tempi e tre marce, con una potenza massima di 3,2 cavalli a 4500 giri che consentivano una velocità di 60 chilometri orari. La Vespa di allora permetteva di superare pendenze del 20 per cento in prima, 12 per cento in seconda e 5 per cento in terza.

"Il giorno successivo, il Corriere dello Sport la celebra come la “prima motoleggera del dopoguerra” - scrivono sulla pagina Facebook della Fondazione Piaggio - con eccezionali doti di ripresa, solidità e maneggevolezza dimostrate durante la guida su terreno erboso e su rettilineo da Luigi Di Gennaro, concessionario Piaggio per il Lazio".

"Nell’immagine di archivio, il primo a sinistra è Guido Galbani - spiegano dalla Fondazione - meccanico della Piaggio di Pontedera, l'uomo in divisa è il capitano Rothney, mentre colui che sorregge la Vespa per il manubrio è Luigi Di Gennaro".

La Vespa venne dunque presentata prima che ne venisse depositato il brevetto all'ufficio centrale dei brevetti per invenzioni, modelli e marche del Ministero dell'Industria e del commercio di Firenze, effettuato il 23 aprile 1946.

Era solo l'inizio di una lunga storia che avrebbe rivoluzionato l'intera produzione Piaggio: un tempo dedita alla costruzione di aeroplani, l'azienda aveva trovato il suo futuro ed era definitivamente pronta a lasciarsi alle spalle le macerie della seconda guerra mondiale, per dedicarsi a nuove esigenze di mobilità (e di libertà).

Quest'anno Pontedera si appresta a festeggiare la ricorrenza - i 70 anni di Vespa - organizzando una serie di eventi: il 22 aprile al Museo Piaggio l'anteprima della mostra In viaggio con Vespa. Un'avventura lunga 70 anni. Dal 23 al 25 aprile la città ospiterà un raduno di appassionati in arrivo dall'Italia e dall'Europa, mentre per il 24 è in calnadario un concerto di Enrico Ruggeri.

Filippo Bernardeschi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nella provincia di Pisa, tra ieri e oggi, sono state registrate oltre 1.400 nuove positività. In tutta la Regione, invece, sono 11.761 i contagiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

STOP DEGRADO

Sport

STOP DEGRADO