QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°17° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 12 novembre 2019

Attualità sabato 06 maggio 2017 ore 09:30

Il lavoro al centro dei Caffè Scienza

Al quarto incontro in biblioteca Gronchi ha partecipato anche l'Ipsia Pacinotti, curato dal Cred Valdera



PONTEDERA — C per collaborazione, A come apertura al territorio, doppia F per il duplice intervento di formazione per insegnanti e studenti, E di educazione. Il Caffè appunto. Se le iniziative e i progetti innovativi, non solo delle scuole, hanno sempre più bisogno di acronimi per esser presentati, questo potrebbe esser l’acronimo che identifica i Caffè Scienza della scuola in Valdera, organizzati dal CRED Valdera alla Biblioteca Comunale Gronchi di Pontedera.

Così venerdì scorso la dirigente scolastica dell’istituto professionale Pacinotti professoressa Maria Giovanna Missaggia, nel presentare l’intervento della propria scuola al quarto degli incontri dei Caffè Scienza in cui si sono alternati tutti gli istituti superiori di Pontedera.

Al centro di questa edizione il tema del lavoro. Nella tradizione produttiva della Valdera. Sottolineata dalla presenza all’ingresso della Biblioteca dell’ Evantra 771, ultimo modello delle hypercar realizzate dalla Mazzanti Automobili di Pontedera: uno dei cinque esemplari prodotti ogni anno nel segno di una artigianalità esclusiva riconosciuta in tutto il mondo. Ai ragazzi dell’Ipsia, Luca Mazzanti, il padre delle Hypercar toscane, ha voluto ricordare che l’eccellenza è a portata di mano, qui, da noi, a poche centinaia di metri dal centro di Pontedera, nella qualità del lavoro che caratterizza la nostra storia di distretto industriale.

Negli spazi della Biblioteca si sono viste, accanto ai libri, presenze inusuali: un motore d’auto nel suo funzionamento, una fresatrice a controllo numerico, una stampante 3d, le tute dei ragazzi Ipsia impegnati in lavori di equilibrature gomme. Gli studenti universitari dell’ E-Team Squadra Corse dell’Università di Pisa a raccontare il loro successi nella progettazione di impresa e nella partecipazione alla gare automobilistiche internazionali. Ovviamente anche i libri, quelli di Tagete edizioni ad esempio, che raccontano Pontedera “città dei motori”. Per dire che la cultura è soprattutto “lavoro”. In significativa coincidenza con la mostra del nuovo spazio museale di Palazzo Pretorio: “Tutti in moto”.

Non è allora un caso che la locandina di presentazione dell’evento (davvero bella la grafica di Federico Fabiani), dopo le figure che caratterizzavano i precedenti Caffè Scienza: Pitagora, Archimede – dal grande ciclo pittorico della Scuola di Atene di Raffaello -, Darwin, abbia visto ora protagonista l’operaio dell’industria metalmeccanica.

La centralità del lavoro, nel solco della tradizione illuministica dei “caffè”, dell’Enciclopedia come Dizionario ragionato delle scienze delle arti e dei mestieri…

Particolare successo ha avuto anche la proiezione del filmato dell’Istituto Luce, realizzato da Franco Brogi Taviani, a documentare il ruolo dell’IPSIA di Pontedera nella grande trasformazione industriale della Valdera degli anni ’50 e ’60. Tema ripreso e sviluppato dall’intervento del prof. Alessandro Tognarelli “Conoscere l’IPSIA A. Pacinotti”.

Apprezzato come sempre lo spuntino serale preparato dal Roxy Bar di Ponsacco. Immancabile il Caffè offerto dalla Cittadella.

Accompagnamento musicale di Federico e Francesco Niccolai e Antonio Radut, studenti IPSIA. Insieme a tutti gli altri loro compagni, protagonisti della serata, con gli insegnanti: Paolo Casella, Mara Dallacasa, Francesco Inglese, Andrea Marini, Claudia Monteleone, Cinzia Pizzi.

I Caffè Scienza sono organizzati dal Cred, strumento operativo in campo scolastico della Conferenza Educativa dei Comuni della Valdera, in collaborazione con la Biblioteca “G. Gronchi”, e proseguono con la prossima iniziativa del 17 maggio affidata all’ITIS Marconi: “Robotic@mante: i robot made in ITI”.

Per un’idea di scuola come centro di cultura e dialogo con la comunità: la scuola che si fa “caffè”, incontro e condivisione di saperi.



Tag

Maltempo, fiumi di fango per le strade di Matera

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità