QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°30° 
Domani 17°27° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 17 agosto 2019

Attualità giovedì 01 dicembre 2016 ore 15:25

"Internet tagliato? Le cose non stanno così"

Guidi e Macelloni

Il presidente dell'Unione Guidi a Macelloni: "Avevamo inviato una lettera un mese fa per chiudere alcune situazioni, non c'è stata risposta"



PONTEDERA — Pronta risposta del sindaco di Bientina e presidente dell'Unione Valdera Corrado Guidi. Il pari grado del Parco Alta Valdera, Renzo Macelloni,  aveva denunciato il taglio della linea internet ai quattro Comuni fuorisciti dall'Unione, ovvero Peccioli, Terricciola, Chianni e Lajatico. Il disservizio era in atto da questa mattina ma è stato risolto tramite un ponte con la linea adsl della società Belvedere.

Guidi ha chiarito la situazione: "Ho ricevuto la lettera del collega Macelloni, che evidenzia un improvviso distacco da parte dell'Unione della connessione ad Internet, che il nostro ente ha garantito fino a ieri alla recentemente costituita Unione Alta Valdera. La rappresentazione della realtà è però parziale, per cui occorre che io renda noto alcuni altri fatti relativi ai nostri rapporti istituzionali".

"In data 3 novembre - ha spiegato ancora Guidi - abbiamo scritto ufficialmente ai 4 comuni receduti la scorsa estate per provare a chiudere alcune situazioni che, a distanza di 5 mesi (150 giorni) dal recesso, non sono ancora definite e comportano intrecci di responsabilità tra le nostre organizzazioni. A fronte di quella lettera, in verità, non abbiamo ricevuto alcuna risposta o richiesta, nemmeno telefonica".

"In quella lettera - ha proseguito il presidente - oltre ad annunciare che avremmo provveduto al distacco dalla data odierna, evidenziavamo che stavamo (e stiamo) continuando ad avere in carico e quindi a pagare svariate utenze telefoniche in uso all'Alta Valdera, nonché utenze elettriche per le quali non era ancora intervenuta la voltura attesa. Allo stesso tempo, rappresentavamo che i comuni receduti non ci hanno ancora consentito di recuperare alcuni nostri apparati di trasmissione installati su edifici pubblici o ancora detenuti presso la sede dell'Unione Alta Valdera; tali apparati, tra l'altro, non sono in uso e quindi il mancato al consenso al ritiro da parte nostra non è motivato da esigenze funzionali ai servizi".

Guidi ha rimarcato che "ad oggi, l'Unione vanta ancora crediti nei confronti dei comuni receduti che avrebbro dovuto essere saldati il 1 luglio scorso; non credo che possiamo quindi essere tacciati di incomprensione o di ritorsione. Noi siamo evidentemente disponibili a ripristinare il collegamento insieme alla definizione contestuale delle altre partite aperte; credo anche che, a fronte di una decisione di uscita (dalla nostra Unione) manifestata dai comuni dell'Alta Valdera nel mese di gennaio 2016, oggi avremmo dovuto essere reciprocamente autonomi e con i conti a posto. Mi pare invece che la situazione confermi che dichiarare di fare meglio da soli è facile, ma realizzare l'enunciazione in concreto è molto più difficile".

"Ovviamente - ha concluso - sono disponibile ad incontrare il presidente dell'Unione Alta Valdera se e quando lo riterrà utile per risolvere anche queste questioni tecniche, continuando ad auspicare la collaborazione tra tutte le istituzioni della Valdera, che ritengo davvero ineludibile".



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Cronaca