QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°17° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 12 novembre 2019

Attualità martedì 02 maggio 2017 ore 14:00

La prima pietra dell'impianto di compostaggio

Alla posa in viale America, sede di Geofor, presente anche il ministro dell'ambiente Galletti: "Il vostro territorio si prepara ad attrarre aziende"



PONTEDERA — Una struttura all'avanguardia che sarà pronta nel 2019. E' stata posata la prima pietra dell'impianto di compostaggio di Geofor in viale America. Presenti il ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti, il nuovo presidente di Geofor Daniele Fortini, i sindaci di Pisa e Pontedera Marco Filippeschi e Simone Millozzi, il consigliere regionale Andrea Pieroni, numerosi sindaci i cui Comuni sono serviti dall'azienda e rappresentanti delle istituzioni. Presente all'inaugurazione anche l'ex presidente di Geofor Paolo Marconcini.

L'impianto di compostaggio è un impianto anaerobico capace di produrre energia elettrica dai rifiuti organici, oltre a compost utilizzabile in agricoltura. Dalla primavera 2019, se non ci saranno ritardi nei lavori, la struttura sarà capace di trattare 40mila tonnellate di rifiuti organici all'anno. Il costo dell'opera è di circa venti milioni di euro, in buona parte provenienti dall'azienda con autofinanziamento e credito bancario.

Il ministro Galletti ha lodato l'opera: "Quando parliamo di ambiente - ha detto - non parliamo in realtà solo di ambiente ma anche dello sviluppo economico e delle prospettive di un territorio. Un territorio che ospita questo impianto si prepara ad essere più competitivo perché nel futuro le aziende sceglieranno di insediarsi in zone dove c'è una gestione circolare dei rifiuti". 

Galletti ha parlato di "amministrazioni che scelgono la via virtuosa dell'economia circolare. Anche l'umido (i rifiuti organici che verranno trattati nell'impianto) può diventare una risorsa importante. Qui verranno prodotti elettricità e concime, questa è l'economia del domani".

Il nuovo presidente di Geofor Fortini ha esordito facendo un piccolo quadro sulla situazione di Geofor. Fortini si è insediato al posto del dimissionario Marconcini poche settimane fa: "Ho trovato un'azienda sana - ha spiegato - nel 2016 abbiamo avuto un fatturato di 70 milioni di euro, con due milioni di utili per gli investimenti. Geofor nei 25 Comuni serviti raggiunge il 60 per cento di raccolta differenziata. Per questo, nel solco del passato, vogliamo continuare a fare bene. I rifiuti si trattano per tornare ad essere una risorsa. Qui c'era la determinazione di creare un impianto per la chiusura del circolo virtuoso dei rifiuti". 

Il sindaco di Pontedera Millozzi ha ripercorso brevemente le tappe: "Con questa posa si chiude un percorso iniziato con la fase istruttoria nel 2010". Millozzi ha ringraziato Marconcini per il lavoro svolto, prima come sindaco e poi come presidente. A quel punto è scattato un applauso rivolto all'ex presidente di Geofor. Marconcini durante il suo lavoro aveva seguito il nascere e il crescere del progetto dell'impianto di compostaggio. Le dimissioni di Marconcini risalgono a novembre e sono dovute all'indagine aperta dalla procura della repubblica di Pisa per l'uso improprio dell'auto aziendale.  

Millozzi ha sottolineato come la "Valdera sia in una posizione strategica in Toscana nella gestione dei rifiuti". Sulla stessa linea d'onda il collega pisano Filippeschi: "Si tratta di un investimento molto rilevante, una sorta di piattaforma volta al futuro". 

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Maltempo, fiumi di fango per le strade di Matera

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità