Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:15 METEO:PONTEDERA16°21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 29 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Giornalista nella furia dell'uragano Ian: si aggrappa a un cartello per non volare via

Politica mercoledì 27 luglio 2022 ore 18:00

"La sicurezza sul lavoro non è uno slogan"

Rifondazione Comunista e Lotta continua al fianco degli operai della Piaggio in sciopero a seguito dell'infortunio sul lavoro avvenuto quest'oggi



PONTEDERA — Arrivano le prime reazioni a seguito della protesta decisa dalle sigle sindacali della Piaggio a seguito dell'infortunio sul lavoro avvenuto questa mattina nello stabilimento di viale Rinaldo Piaggio.

"Gravissimo l’atteggiamento dei responsabili di far riprendere immediatamente la produzione nonostante il grave infortunio occorso a un'operaia, trasportata d’urgenza in ospedale, senza neanche appurare le cause dello stesso - hanno scritto dal circolo di Rifondazione Comunista "Karl Marx" di Pontedera - lavoratrice a cui va tutta la nostra solidarietà, come il nostro sostegno e la nostra solidarietà va agli operai che, giustamente, sono entrati immediatamente in sciopero".

"Atteggiamenti come quelli della Piaggio sono da considerarsi intollerabili e vergognosi ma che purtroppo si ripetono sempre più in una situazione di evidente mancanza di sicurezza sui luoghi di lavoro - hanno continuato - più volte quella postazione era stata segnalata come pericolosa. Il nostro circolo, come in altre occasioni, si mette a totale disposizione dei lavoratori della Piaggio a sostegno di tutte le iniziative che vorranno intraprendere nei prossimi giorni, affinché situazioni del genere non abbiano mai più a ripetersi".

"Gli operai hanno fatto sentire ai capi tutta la loro rabbia, chiedendo a gran voce condizioni di lavoro più sicure e applaudendo ironicamente la direzione, colpevole dei numerosi infortuni avvenuti in fabbrica - hanno scritto invece dalla redazione di Lotta Continua - la scorsa settimana sono stati indetti scioperi cadenzati contro il caldo nelle officine climatizzate, in cui le temperature hanno raggiunto livelli insostenibili. Il tutto mentre i ritmi di lavoro imposti sono sempre più alti".

"Gli operai denunciano inoltre da tempo il massiccio ricorso ad assunzioni con contratti a termine, soprattutto durante il periodo estivo, al termine del quale vengono lasciati a casa con la promessa di una eventuale riassunzione. Ed è proprio ad una precaria che è capitato l’incidente - hanno aggiunto - obbligare a un ritmo forsennato i neoassunti, ricattandoli con la promessa di un rinnovo e forse una assunzione stabile in capo a molti anni, peggiora inevitabilmente le condizioni di lavoro e sottopone a rischi maggiori proprio chi è più ricattabile".

"Mentre gli utili di Piaggio volano, l’azienda obbliga gli operai a turni massacranti, sfrutta e incentiva il precariato, e se ne infischia delle condizioni di lavoro - hanno concluso - oggi gli operai hanno dimostrato che la sicurezza sul lavoro non è uno slogan e che sono pronti a lottare duramente".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono due bambini di 10 anni gli aggressori che hanno schiaffeggiato e minacciato due coetanei. Allertato il Tribunale dei minorenni di Firenze
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

GIALLO Mazzola

Cronaca

Attualità