QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 09 dicembre 2019

Attualità mercoledì 04 ottobre 2017 ore 16:45

Ex Zetagas, Millozzi replica al presidente

Il primo cittadino: "Ogni volta che abbiamo saputo di occupazioni abusive ci siamo attivati con le forze dell'ordine per farle intervenire"



PONTEDERA — Il sindaco di Pontedera Simone Millozzi ha risposto al presidente del Cda della Zeta Immobiliare. Il primo cittadino pontederese è intervenuto in replica all'articolo "Esasperati dalle continue occupazioni abusive" pubblicato questa mattina.

"Leggo delle dichiarazioni del Presidente del CDA della Zeta Immobiliare e mi preme chiarire alcune questioni - ha esordito Millozzi - Sotto il profilo delle denunciate occupazioni abusive ogni volta che ne ho avuto notizia (così come nell'ultima occasione) mi sono attivato tempestivamente richiedendo alle forze dell'ordine di valutare l'intervento da farsi. Ogni volta ho pure richiesto alla proprietà di porre in esser (e ripristinare) quanto necessario ad evitare l'occupazione illegittima ed abusiva degli spazi da parte di soggetti non autorizzati".

"Apprendo tuttavia - ha ripreso Millozzi - che la proprietà abbia lasciato intendere 'che i rapporti col Comune non sarebbero dei migliori' e che 'nonostante nel corso degli anni varie siano state le proposte che abbiamo presentato al Comune per quella parte specifica, sono state tutte ritenute incompatibili con la destinazione d'uso prevista'".

"Ebbene - ha sottolineato il sindaco - sul tema non possono esser taciute alcune oggettive verità come è possibile desumere dal complesso delle interlocuzioni intercorse, dagli incontri svoltisi fino ad oggi, nonché dagli strumenti di pianificazione urbanistica approvati dall'Ente. In primo luogo il Comune di Pontedera ha sempre intrattenuto rapporti corretti, collaborativi ed attenti alle esigenze della proprietà del compendio immobiliare "ex Zetagas" in relazione agli sviluppi dell'area. Al pari ed allo stesso modo imparziale con cui una Pubblica amministrazione interloquisce con tutti i cittadini e le proprietà immobiliari del territorio".

"In secondo luogo - ha aggiunto - non si comprende a che cosa si riferisca Zeta Immobiliare quando si riferisce a "tutte" le destinazioni d'uso provvisorie proposte, nelle more dell'attuazione definitiva del piano, che l'Amministrazione Comunale avrebbe "ritenuto incompatibili". Intanto al riguardo è bene ricordare il lavoro istruttorio amministrativo compiuto ed andato a buon fine per consentire la locazione dell'area dell'ex distributore con una attività congrua alle destinazioni d'uso. Le altre, anzi "tutte" le soluzioni provvisorie proposte ad oggi, a memoria ed agli atti, si esauriscono in due sole ipotesi: un deposito giudiziario di auto e veicoli abbandonati e sequestrati o un parcheggio di mezzi adibiti al servizio di raccolta dei rifiuti".

"Non sfuggirà a nessuno che entrambe (ed uniche) due ipotesi prospettate - ha concluso Millozzi - sotto nessun punto di vista risultano idonee a "ridare decoro a quella zona" né a consentire un presidio antropico utile a dissuadere occupazioni illegali ed abusive dei terreni di cui si tratta. Non si vede davvero sotto quale profilo sia possibile considerare un ripristino (seppur provvisorio) del decoro dell'area la destinazione a deposito giudiziario di veicoli sequestrati o dismessi oppure a parcheggio di mezzi destinati alla raccolta di rifiuti.
L'amministrazione comunale è stata e rimane disponibile a valutare ogni proposta, seppur temporanea, utile ed idonea, che Zeta Immobiliare vorrà presentare in attesa dell'avvio del recupero urbanistico complessivo del comparto: sottrarla allo stato di degrado ed all'utilizzo non autorizzato, oltrechè un dovere per la proprietà (come di ogni proprietà), è interesse pubblico e generale dell'Ente".



Tag

Segre e Mattarella alla Prima della Scala di Milano

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità