QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°26° 
Domani 16°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 17 settembre 2019

Lavoro sabato 07 ottobre 2017 ore 12:41

Non chiamatele e non chiamateli buttafuori

L'agenzia di formazione Afram organizza corsi di formazione per esercitare questa professione in cui serve disciplina e capacità di analisi



PONTEDERA — Il cervello è diventato il muscolo più importante. Prima li chiamavano buttafuori, uomini muscolosi, senza tanti discorsi e senza tanti scrupoli, e soprattutto senza che ne fosse stata verificata la moralità.

L'agenzia di formazione Afram organizza corsi di formazione per questa figura professionale: "Il Decreto ministeriale del 6 ottobre 2009 ha cambiato il nome in "Personale addetto ai servizi di controllo delle attività di intrattenimento e di spettacolo in luoghi aperti al pubblico e in pubblici esercizi" ma ha soprattutto stabilito un nuovo modo di gestire questa professione, partendo dal presupposto che la carta vince sulla pietra".

"Il caso della poliziotta - hanno spiegato da Afram - che durante uno sciopero si tolse il casco antisommossa e fece tre passi avanti andando a parlare ai dimostranti, riuscendo con il suo atteggiamento ad allentare la tensione, i pompieri che in Catalogna si sono messi fra i dimostranti e le forze dell'ordine, riuscendo a risolvere la situazione evitando che degenerasse, sono la dimostrazione che ci sono più sistemi per affrontare momenti difficili e di tensione".

"La preparazione e la capacità di assumere il controllo al momento opportuno, consentono di prevenire, di intervenire per mantenere l'ordine e la sicurezza, usando la forza solo come estrema ratio e sempre coinvolgendo le forze dell'ordine. È questo quello che viene insegnato nei corsi che Afram organizza ed è per questo che anche le donne iniziano a partecipare . E di donne ce n'è proprio bisogno".

"Negli stadi, nelle discoteche, ai rally, nelle feste private e in qualsiasi tipo di manifestazione non ci sono naturalmente solo uomini e allora diventa normale che in certe circostanze la presenza femminile diventi indispensabile per far si che le partecipanti si sentano rassicurate vedendo alcune di loro pronte a mantenere l'ordine. Dopo 90 ore intense di corso, che prevede materie inerenti in area giuridica e psicologica,il primo soccorso e la sicurezza, e dopo aver superato l'esame che rilascia il diploma, aver effettuato le visite mediche richieste, la prefettura, in base all'affidabilità della persona, rilascerà l'autorizzazionea esercitare la professione. Ecco perché oggi partecipare a questi corsi significa immettersi in un circuito di personale sempre più qualificato, trattandosi di un lavoro che, in base alla nuova legge, prevede requisiti indispensabili per poter essere esercitato".



Tag

Lione, raccolti 109 monopattini dal fiume

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Attualità

Sport