Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:17 METEO:PONTEDERA11°21°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 08 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Aliseo, «I libici hanno sparato sul peschereccio per uccidere»

Lavoro giovedì 15 aprile 2021 ore 16:33

Piaggio, "Dividendi a azionisti, non a lavoratori"

"Piaggio distribuisce dividendi agli azionisti, ma non ai lavoratori", dice la Fiom Cgil, aggiungendo che "Non ci sarà alcun accrescimento economico"



PONTEDERA — "Mentre i ricavi del Gruppo Piaggio aumentano e vengono distribuiti dividendi tra gli azionisti, ciò potrebbe non accadere per i lavoratori poiché, a quanto pare, il premio concordato con l’azienda a gennaio 2020 sembra non dia risultato".

Lo dice Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Gruppo Piaggio.

"Per i lavoratori probabilmente non ci sarà nessun accrescimento economico, anche se siamo in attesa che siano resi formalmente noti dall’azienda i dati sugli indicatori", aggiunge.

"Gli aumenti salariali ci sono stati e ci saranno perché nell’accordo, e non a caso, avevamo stabilito il riconoscimento di incrementi sugli acconti mensili, ma il risultato, sembra non maturi.

Sarebbe necessario che di pari passo alla crescita aziendale aumentassero di più anche i salari dei lavoratori.

Con il rinnovo del contratto aziendale di gruppo siamo riusciti a creare le condizioni per redistribuire una parte della ricchezza che fa l’impresa, ma non lo riteniamo sufficiente."

"Non ci accontentiamo solo degli anticipi mensili, (seppur importanti e che prevedono un aumento di 55 euro al mese a regime) ma bisogna che vi sia anche un risultato positivo a conguaglio del premio di risultato e siano erogati ulteriori aumenti economici ai lavoratori", aggiunge il sindacalista.

"Con il rinnovo del contratto aziendale di gruppo avevamo creato anche le premesse per favorire le assunzioni e tornare a discutere di occupazione, e ciò è avvenuto, adesso punteremo alla stabilizzazione dei contratti a termine.

Bisogna guardare al futuro con un chiaro obiettivo sindacale: come, dove e per chi produrre. Viviamo nell’epoca della gravità pandemica, ma nello stesso tempo le persone hanno cambiato abitudini e rivalutato le due ruote come mezzo per muoversi in sicurezza. Nell’anno passato vi sono stati importanti incrementi produttivi, di vendite e di redistribuzione dei dividendi agli azionisti, troveremmo ingiusto ed incomprensibile che in un anno così importante ai lavoratori non sia maturato il premio di risultato", conclude Braccini.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Emergenza Covid, mentre la Toscana va verso la terza settimana consecutiva di zona gialla ci sono alcuni territori ancora a rischio
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Cultura

Attualità

Sport