comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°21° 
Domani 15°23° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 01 ottobre 2020
corriere tv
Sorpreso fuori casa con il cellulare dall'inviato di Giletti, torna in cella «boss dei Nebrodi»

Lavoro sabato 29 luglio 2017 ore 15:30

Piaggio e ferie, dure accuse da dieci delegati

Sono di Usb e Fiom: "Le ferie non sono più diritto ma strumento, chiedono di rinunciare per la produzione. Come hanno trattato quella lavoratrice?"



PONTEDERA — Le rsu Usb e Fiom hanno promosso ieri uno sciopero in tutto lo stabilimento per ieri alle 9, con assemblea davanti all'officina 2r. A quanto si apprende ha aderito allo sciopero "l'80 per cento dei lavoratori".

I delegati Fiom e Usb che lo hanno promosso sono Massimo Cappellini, Giorgio Guezze, Adriana Tecce, Massimiliano Malventi, Francesco Giuntoli, Antonella Bellagamba, Simone Di Sacco, Simone Selmi, Alessandra Benvenuti e Linda Bernardoni.

"Anche le ferie - hanno esordito i rappresentanti dei lavoratori - per quest’azienda non sono più un diritto dei lavoratori, ma uno strumento come un altro per soddisfare le proprie pretese produttive. L’azienda non ha mai voluto programmare le ferie e i permessi in anticipo, come richiediamo da anni, lasciando fino all’ultimo i lavoratori nell’impossibilità di organizzare il loro riposo".

"Piaggio - hanno ripreso - ha affisso in bacheca solamente il 14 luglio un comunicato con le date delle ferie differenziate reparto per reparto, adesso a 2/3 giorni dall’inizio delle ferie sta comandando decine di lavoratori a rinunciare alle ferie precedentemente comunicate e chiede di andare a lavorare. Tutto questo per straordinarie esigenze produttive, le stesse per cui ci costringeranno a stare a casa per mesi tra qualche settimana, le stesse per cui nei reparti si lavora regolarmente sotto organico ai massimi ritmi, con i capi continuamente con il fiato sul collo degli operai per non far uscire un veicolo in meno dalla catena".

I dieci delegati hanno poi riferito di un episodio che sarebbe successo nei giorni scorsi: "E' avvenuto un fatto estremamente grave, una lavoratrice che aveva il giorno prima preso posizione in assemblea contro la piattaforma per l’integrativo, ha subito una persecuzione poliziesca da parte dell’azienda, è stata seguita da una guardia durante lo svolgimento del lavoro, e sottoposta dal responsabile del personale aziendale ad un vero e proprio interrogatorio da caserma, insinuando il sospetto di aver rubato".

"Respingiamo l’attacco all’inviolabilità delle ferie - hanno concluso - Respingiamo l’attacco ai lavoratori che alzano la testa e chiedono il rispetto dei loro diritti". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità