comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 17°28° 
Domani 18°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 15 luglio 2020
corriere tv
Autostrade, la famiglia Benetton accetta le condizioni del governo

Lavoro lunedì 23 gennaio 2017 ore 18:15

Piaggio, sale l'attesa per l'arrivo di Colaninno

Roberto Colaninno

Incontro con i dirigenti, le organizzazioni sindacali nazionali, provinciali, i delegati di Piaggio, Aprilia, Guzzi Fiom, Fim, Uilm e Usb



PONTEDERA — Il presidente Roberto Colaninno è atteso domani mattina alle 11 in viale Rinaldo Piaggio a Pontedera per il consueto incontro annuale. Colaninno incontrerà i rappresentanti sindacali di Piaggio, Guzzi e Aprilia. I sindacati hanno anticipato la volontà di conoscere, dalla voce di Colaninno, quali sono i futuri piani industriali di Piaggio group sia per lo stabilimento pontederese che per l'indotto.

Usb, sindacato ultimo nato in casa Piaggio ha fatto sapere che "dopo il referendum consultivo del 7 - 9 novembre che ha visto la vittoria del Sì all’ennesimo accordo sulla solidarietà la situazione in Piaggio è ulteriormente peggiorata"

"Tralasciando lo stop produttivo di circa due mesi  - hanno ripreso da Usb - e i circa duecento lavoratori che ancora non hanno un contratto stabile, da gennaio la linea 3 non riprenderà la produzione a causa del mancato passaggio da euro 3 a euro 4. Avevamo più volte incalzato l’azienda per ottenere delle risposte certe sul futuro delle produzioni e e degli investimenti nel sito di Pontedera prima che fosse posta la firma sul contratto di solidarietà. Oggi ci ritroviamo a dover affrontare nuovamente le identiche problematiche e le identiche mancate risposte. Altro regalo di Natale ricevuto dai lavoratori di Pontedera è stato l’annuncio di 44 licenziamenti alle Officine Ristori, stabilimento dell’indotto Piaggio".

Usb ha esposto le richieste che presenterà a Colaninno: "Vogliamo avere prima di tutto delle risposte in merito al processo di delocalizzazione in atto ormai da diversi anni. Quali saranno le lavorazioni che saranno mantenute nello stabilimento di Pontedera e quali saranno gli investimenti previsti per i prossimi anni. Dovremmo ritrovarci, nonostante gli utili milionari del gruppo, con un’altra richiesta di solidarietà a giugno? Dovremmo continuare ad utilizzare i soldi pubblici come bancomat privato per l’azienda?".

"E’ arrivato il momento di chiedere risposte certe - hanno concluso - ad una azienda che da anni sfugge da ogni responsabilità e confronto portando avanti solo una politica di delocalizzazioni che ha portato ad una costante perdita di posti di lavoro sul territorio anche con il beneplacito delle istituzioni e anche grazie alla strategia passiva dei sindacati confederali. Qualunque esito abbia l’incontro invitiamo le organizzazioni sindacali ad un confronto reale con i lavoratori nelle opportune assemblee. In ogni caso, come Usb, promuoveremo un percorso di trasparenza e comunicazione con tutti per discutere sugli esiti dell’incontro e eventualmente proseguire con il percorso di mobilitazioni già iniziato".



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Attualità

Attualità