QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14°21° 
Domani 11°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 19 ottobre 2019

Lavoro martedì 17 settembre 2019 ore 15:30

Piaggisti lasciati a casa, solidarietà e polemiche

Parole di vicinanza e spunti di riflessione da Antonio Piro, del Sindacato generale di base, e dal Partito Comunista, che critica l'Usb



PONTEDERA — "Sono anni - scrive Antonio Piro del Sgb - che come sindacato generale di base sosteniamo che con lo spezzatino delle vertenze i posti di lavoro in Piaggio e nel territorio non è possibile difenderli. Come Sgb siamo solidali con i 50 operai/e che lottano per il proprio diritto al lavoro, ma come abbiamo più volte detto agli operai/e delle varie dittarelle dell'indotto e in ultimo agli operai/e della Tmm, l'occupazione in Valdera non si tutela senza fare una vertenza unitaria territoriale".

"Una vertenza unitaria di auto difesa - aggiunge Piro -, che devono volerla anzitutto gli operai/e, perché il si salvi chi può non ha mai funzionato. Una vera lotta per il diritto al lavoro che coinvolga tutti, istituzioni comprese e che abbia come elementi centrali la riduzione dell'orario a parità di salario e lo stop alle delocalizzazione delle produzioni. Questa non sarebbe una vertenza rivoluzionaria di esproprio operaio della Piaggio, ma semplicemente una vertenza di buon senso, il resto sono chiacchiere che fanno solo il gioco della Piaggio e altre aziende".

"In merito ai 50 operai licenziati dalla Piaggio di Pontedera - scrivono, invece, dal Partito Comunista di Pisa -, costretti ad incatenarsi sotto il palazzo della sede pisana di Confindustria, non possiamo che stare dalla parte dei lavoratori ed esprimere loro la massima solidarietà.
Quello che è successo è un altro regalo del governo 5stelle-Lega: le lavoratrici e i lavoratori in questione, che dal 2006 al 2013 Piaggio aveva assunto con contratti a termine e successivamente con contratti interinali, secondo il decreto entrato in vigore a luglio 2018, dopo dodici mesi di lavoro per l’azienda andrebbero assunti; inutile dire che alla stabilizzazione Piaggio ha preferito l’assunzione di nuovi interinali".

"Ma c’è dell’altro - proseguono da Pc -: Piaggio, un’azienda il cui fatturato è in costante crescita, sta a tutti gli effetti creando divisione tra i lavoratori e fomentando una vera e propria guerra tra poveri; USB, a cui fanno capo questi lavoratori, lamenta infatti che ci sono altri lavoratori, spesso con meno giornate lavorate, che secondo l’accordo integrativo del 2009 sarebbero stati in un primo momento (2012) promossi da contratto a termine a part-time verticale e presto dovrebbero essere trasformati in full time. Non solo non vogliamo entrare nel merito della questione, ma intendiamo denunciare apertamente come queste dinamiche volte a mettere i lavoratori l’uno contro l’altro, e di cui spesso cadono vittima anche gli stessi sindacati, sono funzionali alle aziende e quanto di più nocivo per la classe lavoratrice. Vogliamo quindi augurarci che venga presto superato questo ostacolo e che i lavoratori tutti scendano in piazza per chiedere la stabilizzazione dei colleghi lasciati a casa".

Dal Partito Comunista arrivano critiche all'Usb "che si augura che il nuovo governo cambi la normativa vigente". "Il nuovo governo è composto da una parte dal m5s - ricordano in proposito dal Pc -, il cui leader politico è anche il ministro del lavoro nello scorso governo nonché principale artefice del decreto dignità, e dall’altra dal PD, vale a dire il partito di chi nel ’97 ha introdotto i contratti interinali col pacchetto Treu (poi divenuti contratti a somministrazione, senza cambiare nella sostanza) e che, più recentemente, è stato il promotore del Jobs Act e dell’abolizione dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori; non capiamo quindi come sia possibile aspettarsi prospettive di miglioramento dalle citate forze politiche.Il Partito Comunista sosterrà ogni iniziativa che i lavoratori in modo unitario vorranno mettere in campo a difesa dei loro diritti".



Tag

Meloni a Roma: «Cinquestelle stretti in auto blu come sardine in salamoia»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità