Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:PONTEDERA14°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 16 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Londra, Kate Middleton e la famiglia reale si affacciano dal balcone di Buckingham Palace

Attualità venerdì 06 ottobre 2023 ore 20:00

Piazza Mazzinghi, la città abbraccia Sandro

Lo svelamento dell'installazione dedicata a Mazzinghi

Il due volte campione del mondo che fece conoscere Pontedera ovunque dà il nome a una nuova piazza: "Sandro incarnava i veri valori dello sport"



PONTEDERA — Incastonata nel mezzo tra Corso Matteotti e Bella di Mai, dov'è nato e cresciuto, da oggi a Pontedera c'è piazza Alessandro Mazzinghi, il primo degli appuntamenti di un fine settimana dedicato al campione pontederese che fece sognare la città.

Una sfilata di campioni e amici, familiari e alunni delle scuole, che ha abbracciato simbolicamente Sandro, scomparso nell'Agosto 2020 e ancora oggi presente nella memoria pontederese. A cominciare dai figli, David e Simone Mazzinghi, che anche a nome della madre, Marisa, hanno preso parte all'iniziativa insieme a due eroi del pugilato italiano come Francesco Damiani, medaglia d'argento alle Olimpiadi del 1984 e campione del mondo, e Patrizio Oliva, lo "Sparviero", anche lui campione iridato.

"Con orgoglio intitoliamo questa piazza a Mazzinghi - ha detto il sindaco Matteo Franconi - un'icona della nostra città che, a decenni di distanza, ci fa raccontare ancora le sue vittorie e i suoi successi, che trascinarono Pontedera fuori dalla crisi. Sandro incarna dei valori assoluti, che vogliamo promuovere".

Il nuovo cartello di piazza Alessandro Mazzinghi

Il luogo scelto, poi, non è casuale: la piazzetta all'incrocio tra via del Teatro e via Giacomo Rossini, del resto, è stata centrale nella vita di Mazzinghi. "A pochi passi dai caseggiati dov'è cresciuto, qui Sandro ha visto per la prima volta, in quello che era il cinema-teatro della città, il film Lassù qualcuno mi ama, che lo portò ad amare il pugilato - ha raccontato Riccardo Minuti, consigliere comunale - e, dopo aver smesso con la boxe, aprì qui il ristorante che gestì insieme a Loriano Bracaloni, da tutti noto come Castero".

Un momento prima della presentazione

Presenti anche Dario Torromeo, regista dello spettacolo Il Ciclone di Pontedera, tratto dal suo libro Anche i pugili piangono e che sarà sul palco del Teatro Era questa sera, e Ugo Russo, storica voce della redazione sportiva del Giornale Radio Rai. "Generosità, coraggio e determinazione: Sandro incarnava questi valori e insegnava agli altri come rialzarsi di fronte alle difficoltà - ha detto commosso - ai bambini chiedo di riscoprire i valori veri di Mazzinghi, in particolare quello della famiglia come approdo sicuro".

Riccardo Minuti (primo da sinistra) durante la presentazione

Da sinistra: David Mazzinghi, Minuti, Matteo Franconi, Ugo Russo, Patrizio Oliva, Dario Torromeo, Francesco Damiani e Simone Mazzinghi

Quindi, dopo i ringraziamenti di David e Simone e la benedizione di don Massimiliano Garibaldi, lo svelamento dell'installazione con la foto di Sandro Mazzinghi, collocata a pochi passi dal nuovo cartello stradale. Che, adesso, insieme alla memoria collettiva, aiuteranno a ricordare ancora una volta chi era il campionissimo di Pontedera.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Perde il controllo dell'auto e finisce capovolto senza poter uscire dall'abitacolo: intervengono i Vigili del Fuoco che lo estraggono in sicurezza
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Blue Lama

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Elezioni

Attualità

Politica