QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 16°17° 
Domani 15°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 24 ottobre 2019

Lavoro lunedì 03 luglio 2017 ore 12:20

Sciopero Geofor, nodo sicurezza all'inceneritore

Beretta, Cgil: "Inceneritore, giri di raccolta e isole ecologiche i problemi". Teotino, Usb: "L'azienda ha preso decisioni unilaterali"



PONTEDERA — Cgil, Cisl, Uil, Ugl e Usb compatte contro Geofor. Le sigle sindacali sono in trattativa con l'azienda e proprio durante queste contrattazioni hanno deciso di ascoltare la richiesta dei lavoratori e di organizzare questo sciopero generale. Il presidio di protesta è di fronte alla sede pontedese, in viale America.

"Veniamo da mesi di trattative che hanno dato risultati - ha detto Miro Beretta di Cgil - Geofor sta facendo dei risparmi, protestiamo per questo". 

Il sindacalista Cgil ha parlato di tre aspetti controversi: "Il primo è quello all'inceneritore di Ospedaletto. E' stata fatta una turnazione diversa, togliendo in parte una squadra. In sostanza c'è una persona in meno. Il problema riguarda anche la sicurezza".

I lavoratori questa mattina hanno incontrato i vertici di Geofor per spiegare, appunto, le criticità che riscontrano nell'impianto pisano. 

"Il secondo caso - ha ripreso Beretta - è quello dei giri della raccolta differenziata: è stato cambiato il metodo che ha creato dei problemi a Pisa, per esempio. I lavoratori sono stanchi con questi turni".

Terzo aspetto quello delle isole ecologiche: "Abbiamo ottenuto un orario di sei ore - ha spiegato Beretta - ci sono però dei Comuni che vogliono aperture di nove ore e che mal si conciliano con i turni da sei. Cosa succede? Geofor ha dato in subappalto quel lavoro, così succede che il dipendente Geofor fa sei ore, poi arriva un altro dipendente di una cooperativa che fa tre ore. La soluzione discontinua crea problemi. Se Geofor pensa di prenderci per sfinimento ha sbagliato".

"Questo sciopero ci deve dare forza - ha sottolineato Stefano Teotino di Usb - nelle trattative che sono aperte con l'azienda e che vedono già degli appuntamenti previsti a metà luglio. Nel frattempo l'azienda ha fatto scelte unilaterali che hanno danneggiato i lavoratori. Spostamenti arbitrari, demansionamenti, esternalizzazioni del centro di raccolta e del servizio ingombranti. Tutte cose che non erano nel piatto dell'accordo firmato il 31 marzo scorso".

"Su forte richiesta dei lavoratori - ha aggiunto Teotino - abbiamo dato questo segnale all'azienda: siamo compatti e non vogliamo passare da spettatori". 

Per quanto riguarda l'adesione allo sciopero Teotino ha detto che è stata "altissima, saranno entrate cinque persone a Pisa e sei o sette qui a Pontedera, tutti impiegati di alto livello".

Per quanto riguarda la raccolta oggi molti cittadini, anche sui social network, hanno scritto con sorpresa che i sacchi sono stati raccolti. Come hanno spiegato i sindacalisti, in molti luoghi serviti da Geofor operano delle cooperative che non hanno aderito allo sciopero. La raccolta non è stata effettuata invece dove sono i dipendenti di Geofor ad occuparsene.



Tag

Manovra, Fioramonti: "Sono preoccupato, risorse per la scuola sembrano poche"

Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Politica

Sport

Lavoro