Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:15 METEO:PONTEDERA18°26°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 27 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Germania, Scholz: «I tedeschi vogliono un cambiamento e me cancelliere»

Cronaca sabato 03 luglio 2021 ore 09:09

Strada di Patto, tre rinvii a giudizio

Con le accuse di falso ideologico in concorso e truffa aggravata ai danni dello Stato sono state rinviate a giudizio tre persone



PONTEDERA — Due dipendenti comunali e il titolare di una impresa edile sono stati rinviati a giudizio dal Gup Donato D'Auria per la vicenda della "Strada di Patto".

I tre dovranno rispondere di falso ideologico in concorso e truffa aggravata ai danni dello Stato per la vicenda dell'arteria, più volte finita al centro delle polemiche ( proprio in queste settimane si sta procedendo alla riasfaltatura )  e che mostrò da subito problemi al manto stradale.

Secondo le accuse e come riportato dal quotidiano "Il Tirreno" una quantità di materiali che figurava nei capitolati è stata pagata, ma non è mai finita sotto la strada e anche una consulenza tecnica voluta dal giudice confermerebbe l'assenza dei materiali che risultano invece negli stati di avanzamento dei lavori.

Intanto Fratelli d'Italia, con i suoi esponenti locali Bagnoli e Arcenni, ritiene "Indispensabile che si provveda alla revoca di ogni incarico affidato ai dipendenti comunali rinviati a giudizio per le vicende legate alla Strada di Patto  e questo non solo nell’interesse del Comune, ma anche dei cittadini che potranno continuare ad avere fiducia in una macchina comunale onesta e preposta a tutelare l’interesse pubblico. Così facendo anche i dipendenti stessi avranno la possibilità di difendersi nelle sedi opportune".

Intervento anche di Domenico Pandolfi (Lega). "Fermo restante che ognuno è innocente fino a sentenza passata in giudicato, o ammissione di colpa - ha scritto -. Comunque l'esposto presentato da noi (Pandolfi e Barabotti) anche a tutela dei cittadini che hanno materialmente pagato un lavoro fatto male, è stato ritenuto anche da un giudice motivato. Adesso Anas sta ponendo rimedio ad un opera pubblica ,evidentemente, fatta male, ancora con i soldi dei cittadini, in attesa se e quando saranno individuati responsabili. La parte politica sapeva benissimo che quell'opera era fatta male e non sarebbe durata, avendo commissionato una verifica.... La faccia l'abbiamo messa noi come opposizione, perché nessuno si era mosso per fare chiarezza su la vicenda e adesso sarebbe troppo facile accollarsi meriti".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Battuto il record del mondo, la zucca da 1226 chili entra nel Guinness World Record. La pesa dello "zuccone" al Big Pumpkin Festival di Peccioli
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità