comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°22° 
Domani 10°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 08 aprile 2020
corriere tv
Coronavirus, soccorritrice del 118 consola paziente agitato in un letto di contenimento: «Stai calmo»

Politica giovedì 27 febbraio 2020 ore 12:08

​Strada rotta e caso Pirri in consiglio

La sala consiliare di Palazzo Stefanelli
La sala consiliare di Palazzo Stefanelli

Tensione in municipio a causa di due fatti: la strada di Patto con il sequestro delle case a tre funzionari e il ritorno della presidente a Renzi



PONTEDERA — All'inizio di parlerà anche della nuove lottizzazioni al Chiesino, confine con Calcinaia, dove verranno trasferiti parte dei cubaggi della Crastan e della ex fonderia Ceccanti che sta cadendo a pezzi, ma i punti e gli argomenti più scottanti e attesi saranno il sequestro delle abitazioni ordinato dalla Corte dei Conti toscana nei confronti del dirigente e di due funzionari per il milione che secondo la Corte sarebbe stato sprecato per la strada di patto e il caso Pirri. Che magari resterà ancora nei misteri della politica. 

Lo stesso sindaco Matteo Franconi ha messo al punto numero 7, l'ultimo della lista ufficiale dei temi in discussione, il caso della strada di Patto costruita malissimo e oggetto di polemiche, esposti alla magistratura, denunce nei confronti delle ditte e così via, fino alla scesa in campo della Corte dei Conti che attraverso il sequestro, ovviamente contestabile, delle case chiede la restituzione di 1 milione di euro. Vedremo gli sviluppi ma secondo un legale al quale abbiamo chiesto delucidazioni sembra che il dipendente di un ente pubblico o di una società non possa essere incolpato di eventuali errori. 

La questione Pirri è anch'essa complessa ma in questo caso soltanto politica perché non ci sono di mezzo rotture di strade, sequestri e cose del genere. Ricercatrice del Cnr, Angela Pirri era arrivata da poco a Pontedera quando diventò subito vicesindaca al posto di Massimiliano Sonetti _ che aveva già fatto due legislature _ per conto dello schieramento renziano, allora molto forte. Ma l'attuale amministrazione non l'ha confermata (primo caso accaduto nel Comune di Pontedera) spostandola al meno importante ruolo di presidente del consiglio comunale. Spostamento avvenuto dopo le elezioni nelle quali la Pirri aveva fatto un patto elettorale con Pd di fuori del Ponte. 

Pd, compreso anche il sindaco Franconi, che dopo il passaggio con Renzi vorrebbe le dimissioni della ricercatrice del Cnr, richiesta che se la Pirri non darà potrebbero trasformarsi in una mozione di sfiducia nei suoi confronti o magari _ la politica fa spesso sorprese _ risolversi con un patto Italia Viva-Pd per lasciarla nel suo attuale ruolo. 

E il fatto che, a quanto pare, il caso Pirri non sarà esaminato ufficialmente domani ma sarà eventualmente rimandato al prossimo consiglio, ovvero fra un mese, può significare che si cercherà un compromesso all'interno della sinistra. Ovviamente se Renzi non uscirà 'davvero' dall'alleanza 'rossa'.

Mario Mannucci
© Riproduzione riservata



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità