Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:00 METEO:PONTEDERA15°23°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 14 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Rocco Hunt fa visita agli Azzurri in Germania per Euro 2024 e canta nello spogliatoio:

Attualità venerdì 04 marzo 2022 ore 16:45

"Per l'Ucraina adesso servono medicinali e cibo"

Parte delle donazioni destinate all'Ucraina
Foto di: Foto Facebook

Prosegue la raccolta per assistere la popolazione ucraina. Alla Bellaria, sabato e domenica, ci saranno dei gazebo dedicati nel parcheggio antistante



PONTEDERA — Il magazzino di Rete Alimentiamo di Pontedera si è riempito quasi subito. La generosità dei pontederesi, da quando è stata lanciata la campagna di raccolta di beni di prima necessità da destinare al popolo ucraino, è stata travolgente. E grazie ai volontari, la raccolta continuerà anche nei prossimi giorni.

"La distribuzione di quanto raccolto avviene a livello regionale e nazionale con il Banco alimentare, collegato poi a quello dell'Ucraina, che provvede all'interno del Paese - ha spiegato Eugenio Leone, referente di Pontedera - qua, a livello locale, contribuiamo alla raccolta, coordinando dalla Bellaria, come base logistica, insieme a tutte le altre realtà della Rete, come la Misericordia, la Chiesa Fonte di Vita, la parrocchia San Giuseppe e i circoli delle frazioni. Li ringraziamo per quello che stanno facendo"

"La gente è molto generosa ed è un primo elemento importante e dobbiamo dire grazie. Al momento, però, in termini di volumi, abbiamo il 5% di medicinali, il 15% di alimenti e l'80% di vestiti e coperte - ha proseguito - dobbiamo, però, fare un appello: abbiamo fatto il pieno di vestiti e coperte, adesso proviamo a concentrarci su farmaci e cibi in scatola".

Per il trasporto, poi, la Rete fa affidamento su mezzi con targa ucraina che, solitamente, fanno la tratta per collegare i cittadini residenti in Italia con l'Ucraina. "Tutto quello che raccogliamo lo mettiamo in scatole per poterlo trasportare - ha aggiunto - i medicinali e gli alimenti partono con maggior priorità".

"Domani e dopodomani continuiamo a lavorare alla Bellaria nel parcheggio antistante. Allestiremo dei gazebo per poter accogliere meglio le persone che vorranno donare - ha concluso - nelle prossime settimane, inoltre, dobbiamo immaginarci l’arrivo di profughi ucraini in Italia. A Pontedera c'è una bella comunità ucraina che può far da ponte e, quando saranno qua, dovremo aiutarli non solo per trovare un posto dove dormire, ma anche con i vestiti, il cibo e i medicinali: parte di queste cose, dunque, serviranno anche per chi arriva".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cordoglio dell'Ateneo senese, dove Ceccanti ha insegnato fino a 78 anni. Nel 1992 fu insignito come Grande Ufficiale al Merito della Repubblica
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

GIALLO Mazzola