QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13°17° 
Domani 13°17° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 25 maggio 2019

Attualità martedì 20 settembre 2016 ore 13:30

Un festa con il cuore al centro

Zazzeri, Savi, Pirri e Doveri mostrano la T-shirt

La maglietta solidale sarà venduta in occasione della kermesse dedicata al commercio. Il Comune dona ai terremotati 2mila 500 euro



PONTEDERA — Un'italia in grigio, ma con un cuore pulsante e rosso: vibrazioni di solidarietà al centro dello stivale per superare le scosse sismiche che hanno devastato Accumoli, Amatrice, Arquata del Tronto e tanti altri Comuni colpiti dal terremoto.

Il logo della prossima Festa del Commercio è anche una maglietta, ideata dagli esercenti di Pontedera nel corso di riunioni e sviluppata da Maurizio Pieroni, responsabile dell'ufficio comunicazione di Palazzo Stefanelli.

La maglietta costerà 6 euro all'acquirente e permetterà di versare sul conto corrente della protezione civile o della croce rossa (la scelta è a discrezione del commerciante) un euro a favore dei terremotati del centro Italia.

Un gesto piccolo ma significativo che, se moltiplicato, potrebbe tradursi in un importante contributo di solidarietà. Il Comune, da parte sua, al netto delle spese ha già stanziato 2mila 500 euro, che saranno versati sul conto dell'Unione Valdera con lo stesso proposito.

"I commercianti volevano metterci il cuore - ha spiegato Manila Doveri di Confesercenti - e lanciare il messaggio che la Festa, quest'anno, è dedicata ai nostri connazionali terremotati". Maurizio Pieroni ha concretizzato le idee raccolte nel corso di un brainstorming collettivo. E così la Festa, che inizialmente avrebbe dovuto essere incentrata sulla danza, diverrà un momento di beneficenza.

Le magliette stampate sono più di 500 e potranno essere acquistate nel corso dell'evento di venerdì 23 settembre. "Il costo della T-shirt - ha puntualizzato Valentina Savi di Confcommercio - serve a ripianare le spese di realizzazione". Insomma, non ci saranno ricavi per i commercianti. Tutto sarà devoluto.

La vicesindaca di Pontedera Angela Pirri invita cittadini e commercianti a indossarli: "Dimostriamo di essere uniti" ha detto, spiegando che l'evento, oltre al commercio, deve servire alla socializzazione.

Ma se la solidarietà è il fil rouge che intesse i vari micro-eventi di venerdì sera, dal pomeriggio fino alle 24, ciò non non toglie che la Festa rimanga un'occasione di svago: "Sarà una festa a tutti gli effetti" ha assicurato Elettra Zazzeri di Confcommercio.

Non mancheranno dunque musica e piccoli eventi nelle vie del centro città: "Ci auguriamo - ha detto Zazzeri - che i negozianti ne traggano il massimo: il tessuto sociale di una città è costituito anche dai negozi e se un'impresa è viva, fa vivere la città che la ospita".

Alcuni ristoranti hanno proposto un piatto speciale: del ricavo, almeno un euro andrà sarà donato. Altri 50 euro arrivano invece dai singoli esercenti che hanno deciso di aderire all'iniziativa. 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Lavoro

Attualità