QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10°11° 
Domani 15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 18 febbraio 2020

Politica domenica 24 aprile 2016 ore 17:00

"Ok i festeggiamenti, ma onoriamo il lavoro"

Il Movimento 5 Stelle ribatte al segretario Pd Tognetti sulla questione dei festeggiamenti della Vespa: "Non è vero che non siamo propositivi, anzi"



PONTEDERA — Come Movimento 5 stelle non abbiamo mai espresso la nostra contrarietà ai festeggiamenti per il 70esimo anno di un prodotto conosciuto in tutto il mondo che ha fatto la storia di Pontedera e dell’Italia, festeggiamenti in cui a parere nostro si dovrebbe onorare anche il lavoro di tutti quegli operai che hanno costruito la storia e che continuano a farla, ma che invece vengono sempre più precarizzati e umiliati, dagli stessi che oggi si fanno belli del loro operato, facendosi beffa però degli oltre 10000 posti di lavoro persi negli anni". Questa la secca replica del Movimento 5 Stelle al segretario Pd Fabio Roberto Tognetti in merito alla polemica nata sui festeggiamenti del settantesimo della Vespa e sulle condizioni dei lavoratori Piaggio.

Secondo i pentastellati, l'accusa di Tognetti di non essere propositivi sulle tematiche del lavoro in Piaggio è "ridicola, riduttiva e palesemente contraddittoria".

"Sminuisce - scrivono in un nota i 5 Stelle  riferendosi al segretario Pd - parte del nostro programma elettorale, dove non parliamo solo di un centro fieristico ed espositivo che porterebbe dei vantaggi enormi nel settore del turismo, del commercio e inevitabilmente un aumento occupazionale elevato, ma dove svisceriamo una serie di proposte".

Eccole:

- la riduzione generalizzata dell' orario di lavoro a 32 ore settimanali, a parità di salario, non velleitario perchè la Vespa è un marchio prestigioso, e se venisse fatto un progetto industriale con mezzi innovativi i margini ci sarebbero.

- inserire un tetto massimo del 1 0% alle importazioni dei pezzi dall' estero e un più severo controllo qualità. Se Piaggio vuole usare il marchio Made in Italy faccia i pezzi in Italia, altrimenti scriva “Made in Cina” e vediamo se vende in Europa.

- assunzione a tempo pieno delle 500 persone che da circa 10 anni lavorano alla Piaggio e delle quali ad oggi 250 sono rimaste fuori e altre 250 lavorano solo 7 mesi l'anno.

E ancora:

- una Linea di produzione veicoli ad aria Compressa

- una Linea di montaggio "storica" collegata al museo Piaggio

- una Centrale di gestione della mobilita' cittadina

- Ricerca e sviluppo.

"Tutte proposte - concludono i 5 Stelle - che Tognetti non ha letto o che forse ha letto ma gli faceva comodo far finta di non sapere".



Tag

Meloni in Senato per assistere all'intervento di Salvini su Gregoretti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Lavoro

Attualità

Attualità