QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
giovedì 23 gennaio 2020

Politica sabato 09 aprile 2016 ore 18:00

Unione Valdera, parlano i sindaci dopo il ritiro

Alessio Lari, Corrado Guidi e Francesca Brogi

E' terminata venerdì la due giorni per discutere sul futuro dell'ente sovracomunale. Un resoconto nelle parole di Guidi, Lari e Brogi



PONTEDERA — Due giorni di ritiro e di confronto serrato su tutti i temi dell'Unione Valdera, dalla condivisione dei servizi alla razionalizzazione dei costi.

Gli otto sindaci rimasti nell'Unione Valdera dopo l'uscita di Peccioli, Terricciola, Chianni e Lajatico si sono trovati giovedì e venerdì a Toiano per discutere del futuro dell'ente sovracomunale.

Questo ritiro era già previsto nel mio programma – ha spiegato il sindaco di Bientina e presidente dell'Unione Corrado Guidi - lo abbiamo ritardato ad aprile in attesa dell'uscita definitiva dei quattro Comuni”. Insieme a Guidi erano presenti Simone Millozzi, sindaco di Pontedera, Alessio Lari, sindaco di Buti e segretario provinciale del Pd, Francesca Brogi, Ponsacco, Marco Gherardini, Palaia, Arianna Cecchini, Capannoli, Lucia Ciampi, Calcinaia e Mirko Terreni, Casciana Terme e Lari.

E' stata una due giorni utilissima per un progetto di ripartenza – ha dichiarato Lari - per una Valdera che ha dato risultati e che ora ne dovrà dare altri con un riorganizzazione globale. C'è stato un confronto su tutti i servizi e le prospettive. Sono state fatte proposte e idee per rilanciare e sviluppare tutta l'area con la tecnologia e l'innovazione, con nuove forme economiche di produttività”.

Il sindaco di Ponsacco Francesca Brogi aveva presentato un documento all'Unione indicando una serie di criticità. Il sindaco 27enne in più di un'occasione aveva mostrato dubbi: “Era da tempo che chiedevamo un confronto anche perché l'Unione sta cambiando. La nostra posizione non cambia". I quesiti posti dal sindaco di Ponsacco riguardavano sia i servizi che i costi dell'ente: “E' una situazione da vedere e valutare, c'è stato un primo confronto per rivisitare tutta una serie di cose e qualche timida proposta c'è stata”. Brogi ha sottolineato che “è stato positivo aver aperto il confronto, ne prendiamo atto ma restiamo critici. Dobbiamo vedere se riusciremo a mettere le gambe e dare concretezza a queste proposte. La questione è ancora tutta aperta”.

Il presidente dell'Unione Guidi è apparso più ottimista: “Il cielo è meno nero di quel che si pensa – ha detto – è stata una due giorni che darà il via a una serie di confronti con spirito ipercritico. Di sicuro ci sono cose positive e altre meno”. Per adesso la questione è stata dibattuta solo dai primi cittadini: “Ne discuteremo più avanti anche con i dirigenti e con le altre parti elettive” ha chiarito Guidi.

Per quanto riguarda i servizi la valutazione di Guidi è stata serena: “Valuteremo servizio per servizio e alcuni potrebbero essere riportati in Comune. Senza farne drammi”.



Tag

Follia a Messina, la verticale senza protezioni sul pilone a 230 metri di altezza

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Cronaca