Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 22:40 METEO:PONTEDERA10°14°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 24 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Europa League, maxi-rissa al termine di Sparta Praga-Galatasaray: le immagini

Attualità giovedì 07 dicembre 2023 ore 17:30

Valdera Avvelenata e Tat, "No base e discariche"

Il gruppo di Valdera Avvelenata e del Movimento Tat

Il coordinamento di associazioni rinnova l'impegno contro le cementificazioni e i nuovi impianti. Prevista una raccolta firme su Tenuta Isabella



PONTEDERA — Il coordinamento Valdera Avvelenata, insieme al Movimento Tutela Ambiente e Territorio di Montefoscoli, torna alla carica. Dopo la manifestazione di fronte al Comune di Pontedera, infatti, i membri dei due gruppi rilanciano il fronte unito contro le discariche, la cementificazione e la base militare diffusa.

"A Montefoscoli continuano le maleodoranze che arrivano dalla discarica di Legoli: abbiamo fatto numerose segnalazioni ad Arpat, ma senza alcun esito - ha spiegato Sofia Donalisio, tra i membri del Movimento Tat - turismo e agricoltura non possono coesistere con le discariche: dobbiamo decidere cosa privilegiare".

"La discarica, inoltre, scoraggia la raccolta differenziata: a Peccioli si arriva soltanto al 30%, mentre a Palaia in 6 mesi siamo arrivati all'80% - ha aggiunto - non ci dimentichiamo, poi, del progetto dell'impianto di ossicombustione: è una tecnologia poco sperimentata, che in Puglia, a Gioia del Colle, ha dato risultati deludenti. Il Tar ha addirittura bloccato la sperimentazione".

Un punto di vista condiviso anche da Valdera Avvelenata. "La Valdera rappresenta il 5% del territorio toscano, ma accoglie il 50% dei rifiuti di tutta la Toscana - ha spiegato Antonio Piro - noi vogliamo che chiuda la discarica, non contempliamo alcun tipo di impianto di ossicombustione".

La polemica, poi, si lega alle criticità del Green Park e al progetto di base militare diffusa, che dovrebbe interessare la Tenuta Isabella nel territorio comunale di Pontedera. "Presto daremo inizio a una raccolta firme per avere risposte in merito dal Comune - ha detto  Francesca Mangani del gruppo No Base Pontedera - finora il sindaco si è limitato a dare carta bianca ai vertici regionali e ministeriali, intervenendo solo attraverso su Facebook, ma non c'è un progetto e la cittadinanza non sa nulla: pretendiamo chiarezza e informazioni ufficiali, perché decisioni di questa portata non possono essere prese tenendo i cittadini all’oscuro".

A partire dalla domani, infatti, No Base Pontedera renderà possibile firmare la petizione al circolo Arci Il Botteghino della Rotta, mentre a Gennaio sono previste iniziative pubbliche e punti di raccolta firme in centro città.

"Durante il nubifragio di Novembre, il Green Park e la Tenuta Isabella sono rimasti allagati - ha aggiunto Alessandra Benvenuti - la Valdera, ormai, è un territorio devastato e l'alluvione ha dimostrato che è anche fragile: è inutile spendere altri soldi in nuove cementificazioni. Anzi, serve mettere in sicurezza: se ci fosse già stata la base, con il nubifragio sarebbe stata una catastrofe".

Da Valdera Avvelenata, infine, hanno fatto sapere di aver inoltrato un esposto a magistratura, Comune, Arpat e Ausl per chiedere conto delle conseguenze dell'alluvione sul Keu presente al Green park. "Un esposto caduto nel vuoto - hanno concluso - ci ha risposto soltanto l'Ausl, spiegando come non fosse loro competenza. Il materiale, che è ancora presente, doveva essere rimosso ben prima: si tratta di un pericolo ambientale molto vicino a case e scuole".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Con la ditta omonima ha cambiato il volto della città: Bianchi se n'è andato a 94 anni dopo una vita passata a costruire e immaginare nuovi progetti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Cronaca

Attualità