QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 10° 
Domani 10°16° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 15 dicembre 2019

Attualità mercoledì 13 marzo 2019 ore 17:15

Le ruote fashion di Cinzia Chiarini

Cinzia Chiarini con la sua "Vanity Wheel"

Parte da Pontedera la start-up "Vanity Wheel", che propone cover glamour per far sì che le carrozzine siano sempre personalizzate, colorate e fashion



PONTEDERA — Sedie a rotelle che di colpo si trasformano. Non più carrozzine grigie, anonime e quasi da nascondere, ma accessori da sfoggiare ed esibire, segno di libertà, piacere e, perché no, di vanità. Nasce cosi a Pontedera la storia di una start-up, Vanity Wheel, pronta a sbarcare sul mercato della moda.

Vanity Wheel è un progetto nato dall’amicizia di due donne appassionate di moda: Cinzia Chiarini di Pontedera e Michela Trentin di Firenze.

Cinzia, una donna che da sempre ha vissuto nel modo dei tessuti, del designer e dell’arredamento, è la mente creativa del progetto. Sulla carrozzina da 25 anni a seguito di un incidente stradale, dotata di grande sprito - "Quest'anno farò una grande festa per festeggiare le nozze d'argento con la mia carrozzina" assicura - e impegnata nel sociale, domanda: "Perché la mattina, quando mi alzo, non posso vestire la mia carrozzina come mi pare e piace?" Michela, manager da oltre 25 anni nell’organizzazione e nello sviluppo delle aziende, ha subito creduto nel progetto di Cinizia, ed ecco che è nata Vanity Wheel.

Il loro obiettivo è di "rendere fashion una ruota", così la carrozzina diventa un oggetto di design che trasmette la voglia di libertà e non un qualcosa da nascondere. "E' il modo di essere se stessi sempre" spiega Cinzia. In pratica al pari degli occhiali, che lo sono diventati da tempo, anche la carrozzina può diventare fashion.

"L'idea della carrozzina viene completamente sdoganata - prosegue l'ideatrice - e sostituita dall'immagine di una sedia a rotelle personalizzata che diventa un'estensione stessa dell'abito che si indossa. I copri ruote diventano colorati e vivaci (dalle rose, ai jeans, ai gioielli, a quadri famosi o graffiti etc.) e si montano e smontano in un attimo, grazie a degli agganci che io stessa ho brevettato".

Lo stile Vanity Wheel è distintivo e ha carattere. Attualmente Vanity Wheel presenta 5 linee di moda: woman, man, arts, sport, up to teen e accessori accessibili. Vanity Wheel vuole abbracciare sopratutto un mercato on line italiano e estero, cosi come essere gadget di tutte le associazioni sportive e non che hanno a cura il mondo della disabilità. Per poi continuare con una serie di accessori accessibili pensati e fatti con accorgimenti per le sedie a ruote ma che non perdono il loro lato fashion.

Oggi, mercoledì 13 marzo, Vanity Wheel viene lanciata come start up sulla piattaforma di crowdfounding Eppela (è possibile contribuire a questo link: https://www.eppela.com/it/projects/22745-vanity-wheel) per raccogliere i finanziamenti necessari alla messa in produzione delle cover e di altri accessori accessibili. Cosi, dalla città che da sempre è stata considerata la città delle due ruote, inizia un nuovo progetto pronto a far parlare di sé.



Tag

Sardine a Roma: la vista dall'alto di piazza San Giovanni

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Attualità

Cronaca