QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 14° 
Domani 10°15° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 22 novembre 2019

Cronaca giovedì 16 luglio 2015 ore 18:40

Faccia a faccia coi ladri: "Che rabbia"

Baldini Orlandini mentre spiega un particolare della notte appena trascorsa

Parla Lorenzo Baldini Orlandini, proprietario del bar Olimpico di Selvatelle. La scorsa notte tre uomini hanno sradicato la porta per rubare slot



TERRICCIOLA — E' stato ritrovato nelle campagne sotto Terricciola il camion con cui i ladri hanno fatto il colpo in un bar di Selvatelle nella notte appena trascorsa.

Il veicolo è risultato rubato a Siena. Sul mezzo è stata rinvenuta anche una tuta da lavoro di una ditta locale, oltre all'unica slot machine (il bar ne ha sei) che i malviventi sono riusciti a rubare: “Non credo che dentro ci fossero più di mille euro – dice il proprietario Lorenzo Baldini Orlandini – per fortuna le altre erano incatenate tra loro e i ladri non sono riusciti a caricarle sul camion”. 

Baldini ha assistito a tutto il furto, subito dopo che i ladri hanno distrutto le due porte in ferro battuto sradicandole con funi attaccate al camion il proprietario è uscito sul terrazzo di casa, che è accanto all'entrata del locale, urlando a squarciagola e minacciando i malviventi: “Erano tre credo, incappucciati, uno aveva un passamontagna nero, un altro arancione”. Baldini voleva scendere per fronteggiare i ladri: “Ma forse è stato meglio così, mi avrebbero aggredito, avevano anche un enorme piede di porco”.

Passato il danno rimangono per Baldini le immagini negli occhi, difficili da scordare, anche se un aspetto positivo c'è: “Quando ho sentito il botto ho pensato a un incidente, pensavo fosse il camion della pasticceria che ci consegna le paste, che aveva urtato contro un'auto o un motorino. Almeno non ci sono feriti, anche se rimane rabbia e amarezza per come si sono dimostrati sfrontati questi ladri. Hanno agito sotto i miei occhi”.

Nel pomeriggio nel bar alcuni muratori stavano già lavorando per rimontare una delle porte in ferro battuto. Sul retro del locale oltre ai vetri rotti sono rimaste anche le robuste corde usate dai malviventi per scardinare l'entrata.

René Pierotti
© Riproduzione riservata



Tag

Libia, Conte: «Lavoriamo per un rapido cessate il fuoco»

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cultura

Attualità