Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PONTEDERA11°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 28 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Politica venerdì 19 settembre 2014 ore 18:29

Sanità, il dibattito riparte dal modello Pontedera

Simone Millozzi recentemente nominato vicepresidente di Federsanità
Simone Millozzi recentemente nominato vicepresidente di Federsanità

Assemblea di Federsanità Anci Toscana, Millozzi: "La governance non può essere tutta sulle spalle dei direttori sanitari".



FIRENZE — “Il modello di integrazione sociosanitaria tra amministrazione pubblica e Asl che è stato adottato in Valdera è stato riconosciuto come valido ed effettivo” a dirlo è il sindaco Simone Millozzi a Firenze nella veste di vicepresidente di Federsanità - Anci (il soggetto istituzionale dell'Anci in cui aziende sanitarie e ospedaliere e conferenza dei sindaci si confrontano sui temi socio sanitari e socio assistenziali).

“Sono sempre più convinto – ha spiegato inoltre Millozzi - che la governance della sanità non deve stare tutta sulle spalle dei direttori sanitari, ma deve essere gestita anche dai sindaci”. Insomma un modello di integrazione tra amministrazioni locali e sanità che la Valdera in parte ha già intrapreso, sopratutto per quanto riguarda l'integrazione sociosanitaria e da cui potrebbero ripartire le valutazioni sui prossimi assetti nazionali riportando in primo piano il modello toscano.

"Dobbiamo riaffermare il ruolo degli amministratori nella gestione del sociosanitario - ha continuato Millozzi durante l'assemblea regionale di oggi di Federsanità - e approfondire sui territori i temi posti dalla riforma introdotta con la revisione delle leggi 40 e 41. Una riforma che salvaguarda le esperienze migliori e gli obiettivi raggiunti sui territori, scongiurando il rischio di una loro dispersione, ma che certamente comporta la costruzione di un assetto nuovo, a partire dal rapporto tra ospedale e territorio".

Anci Toscana si impegna dunque a mettere concretamente in pratica le scelte di collaborazione previste dalle due nuove leggi, proponendo il sistema toscano a livello nazionale. “L'obiettivo - ha aggiunto Millozzi, - è quello di portare il punto di vista dei comuni rispetto ai nuovi assetti sociosanitari e di contribuire a far 'pesare' il modello toscano a livello nazionale, in un quadro in cui i tagli della spending review rischiano di avere pesanti ripercussioni sul sistema regionale sociosanitario".

"Un obiettivo fondamentale che dobbiamo porci anche alla luce delle due nuove leggi regionali sul sociosanitario - ha affermato il nuovo presidente di Federsanità-Anci Toscana Enrico Desideri - è quello di mettere insieme i comuni e portarli a gestire in maniera integrata con le Asl il sociale a valenza sanitaria e ove possibile anche il sociale 'puro'. Accanto a questo è importante accrescere la partecipazione e il confronto anche in vista del periodo di intense trasformazioni, anche sul piano normativo, che ci aspetta. In questo contesto, - ha aggiunto Desideri, - particolare importanza hanno anche le trasformazioni organizzative che come Federsanità vogliamo sviluppare sia nell'ambito della rete ospedaliera sia soprattutto nell'ambito della nuova assistenza territoriale e delle cure primarie".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Cevoli in lutto per la morte del suo parroco, Don Bruno Nuti, per molti anni parroco della parrocchia. Oggi i funerali a Ponsacco
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Leonilda Alberti Ved. Cola

Sabato 27 Novembre 2021
Onoranze funebri
Mancini & De Santi Capannoli, Fornacette
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca