Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:00 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 26 febbraio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte contestato al presidio degli studenti in piazza a Roma: «Quando eri al governo, ci hanno manganellato»

Politica lunedì 13 novembre 2023 ore 09:00

"Sicurezza del territorio, in 10 anni nessun intervento"

Santa Maria a Monte dall'alto
Foto di: Piero Frassi

L'opposizione attacca l'amministrazione e chiede maggiori investimenti per il futuro: "I cattivi rapporti con il volontariato penalizzano le famiglie"



SANTA MARIA A MONTE — "Serve un nuovo modello di cura e di sviluppo anche a partire dal nostro Comune". La consigliera comunale di Fare Insieme, Elisa Eugeni, insieme a Sinistra Plurale, dopo il nubifragio dello scorso 2 Novembre, hanno attaccato l'amministrazione, chiedendo maggiori investimenti nella sicurezza del territorio.

"Esprimiamo la nostra vicinanza alla popolazione e ringraziamo i volontari e tutti coloro che hanno lavorato con impegno e professionalità per risolvere i disagi - hanno spiegato - l’eccezionalità dell’evento impone un'ennesima riflessione sul tema del cambiamento climatico e sulla messa insicurezza del nostro territorio. Gli ultimi 10 anni della Giunta di centrodestra non sono stati adeguati in questo senso".

"Milioni sono stati spesi per opere faraoniche, in luoghi non adatti e poco fruibili, come la piazza di Santa Maria a Monte, il distretto sanitario e il recupero dell’ex scuola elementare a San Sebastiano - hanno specificato - negli stessi anni si è operato un sistematico smantellamento del servizio di manutenzione del Comune riducendo mezzi e operai. Il corpo della Polizia Municipale, poi, è ormai ridotto ai minimi termini".

Secondo Sinistra Plurale, inoltre, l'amministrazione sarebbe in cattivi rapporti con le associazioni di volontariato, determinando così un certo isolamento del Comune. "Le nostre famiglie sfollate o anche solo quelli che hanno avuto gravi danni, non hanno avuto un adeguato supporto - hanno aggiunto - chi ha dovuto svuotare garage e seminterrati invasi dal fango con impianti elettrici saltati ha dovuto far affidamento soltanto sulle proprie risorse".

Per prepararsi ad affrontare al meglio questo tipo di eventi è necessario un cambiamento rispetto all'ultimo decennio di amministrazione - hanno concluso - auspichiamo che venga varata una misura di sostegno anche da parte del Comune, da affiancare ai futuri fondi regionali e nazionali. Nel frattempo, chiediamo una nuova politica basata sulla cura costante del territorio, con una continua messa in sicurezza dei punti più fragili e a rischio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'eco-compattatore installato in largo Roma vuole incentivare il conferimento dei contenitori in pet con un sistema a premi: ecco quali in palio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità