comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 18°28° 
Domani 18°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 07 luglio 2020
corriere tv
Le farmacie e il calo delle vendite delle mascherine: «Colpa anche del caldo»

Attualità sabato 28 marzo 2020 ore 09:00

"​Le persone con disabilità devono poter uscire"

Irene Galletti, candidata presidente M5S alla presidenza della Regione Toscana
Irene Galletti, candidata presidente M5S alla presidenza della Regione Toscana

“Garantire questa possibilità dentro e fuori la regione”, Berti e Galletti (M5S) scrivono ai direttori ASL, ai prefetti e all’Assessore Saccardi.



FIRENZE — Le misure intraprese dal Governo per il contenimento del contagio da coronavirus stanno impattando sulle abitudini e lo stato d'animo di tutti.

Per alcune persone questa condizione può essere ancora più problematica. Si tratta di quelle affette da disabilità psichica, intellettiva e relazionale, o con multi-disabilità ma anche i familiari o coloro che ogni giorno, H24 in questo periodo, assistono e si prendono cura di loro. 

Sul tema Francesco Berti, Deputato del M5S, e Irene Galletti, candidata del M5S alla Presidenza della Regione Toscana hanno scritto ai direttori ASL, ai prefetti ed all’Assessore Saccardi.

“Pensiamo ad esempio  Per le persone affette da disabilità l'interruzione delle attività di routine (attività sanitarie, educative, sociali) può creare di per sé un problema non risolvibile con le sole cure dei familiari".

Diverse associazioni di genitori - si legge nella nota - hanno sottolineato come l’interruzione prolungata dei servizi di assistenza ordinaria alla persona stia causando un serio aggravamento della loro situazione personale e familiare. Attività come passeggiate, in auto o a piedi, in luoghi a loro familiari o tranquilli, talvolta anche fuori dal Comune di residenza, possono essere una soluzione semplice ma importante. "Per questa ragione» – spiegano Berti e Galletti – avevamo inviato una lettera indirizzata ai ministeri della Salute, dell’Interno e a Stefania Saccardi, Assessore Regionale alla Salute e alle Politiche Sociali, per chiedere che anche a queste persone e ai loro familiari o caregivers venisse garantita la possibilità di uscire rientrando nelle casistiche dei “motivi di salute” o “motivi di necessità”.

"Su stimolo dei familiari di pazienti affetti da autismo - precisano i due esponenti 5 stelle - anche l'Azienda USL Toscana nord ovest, nei giorni scorsi, ha intrapreso un'iniziativa simile alla nostra, fatto che evidenzia la reale necessità di intervenire rapidamente. In questo contesto, la risposta della prefettura di Grosseto alla lettera ricevuta dalla “Fondazione Il Sole Onlus”, associazione di genitori e familiari di persone con disabilità, è fondamentale. È stata infatti accettata la proposta di autocertificare la necessità di uscire per mezzo delle certificazioni di invalidità già in loro possesso. Per questo abbiamo nuovamente inviato una rinnovata richiesta i direttori delle ASL toscane, ai prefetti della Regione e nuovamente all’Assessore Saccardi per chiedere che questa disposizione venga confermata anche da tutte le altre prefetture e le ASL toscane. Auspichiamo adesso – concludono Berti e Galletti – che il caso di Grosseto si diffonda presto in tutto il Paese perché è importante, soprattutto in un momento di emergenza, che nessuno venga lasciato solo».



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità