Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:30 METEO:PONTEDERA9°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
venerdì 21 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Russia, le immagini delle nuove esercitazioni militari con i missili Kalibr

Sport venerdì 30 ottobre 2015 ore 19:15

Trosino, nella scia di Luperini e Bartoli

Mirko Trosino, 23 anni

Il 23enne ciclista pisano nel 2016 sarà professionista: "I miei idoli Armstrong, Cancellara e Contador. I sogni il Giro d'Italia e il Fiandre"



SANTA MARIA A MONTE — Ama Lance Armstrong e non vede l'ora di essere nel gruppo insieme ai suoi idoli Fabian Cancellara e Alberto Contador.

Mirko Trosino, 23 anni compiuti lo scorso 19 ottobre vive a Santa Maria a Monte e a partire dal 2016 sarà un ciclista professionista con la Southeast Pro Cycling Team del direttore sportivo fucecchiese Luca Scinto.

Ho iniziato a correre nel 2000. Il ciclismo è l’unico sport che volevo fare visto che in famiglia lo praticava e lo pratica tutt’ora mio padre Franco (ora a livello amatoriale). Ho corso nella categoria giovanissimi con il Gs Massimo Donati, negli esordienti ed allievi nel Gc Vecchianese, negli juniores nel team Ambra Cavallini Vangi e nei dilettanti nel team Hopplà. Negli ultimi tre anni nel Gs Mastromarco, la squadra di Vincenzo Nibali”.

Ventitrè anni è l'età giusta per passare professionista nel ciclismo. Non c'è la stessa precocità di altri sport, i ciclisti raggiungono il picco di prestazioni, salvo eccezioni, intorno ai trentanni: “Nei professionisti mi presento con circa cento vittorie nelle categorie giovanili. Tra queste un campionato italiano nella categoria allievi su pista, inseguimento individuale, un settimo posto al campionato del mondo a cronometro nella categoria juniores e un secondo posto nel campionato italiano, sempre a cronometro. Nel 2012, nella categoria dilettanti, ho conquistato dieci vittorie tra cui spiccano la vittoria in una tappa al giro d’Italia dilettanti e la medaglia di bronzo ai campionati italiani a cronometro. Due vittorie nel 2013 e quattro nel 2014 tra cui il Gp Ezio Del Rosso, gara nazionale a Montecatini Terme e il Gp di Rovescala. Quest'anno tre vittorie, tutte di spessore, tra Trentino Lazio ed Abruzzo, più innumerevoli piazzamenti”.

Il passaggio a professionista servirà anche per capire il livello a cui Trosino potrà ambire nei prossimi dieci, quindici anni: “Sono un corridore tuttofare, abituato a stare al vento e lavorare per la squadra. Negli ultimi anni da dilettante però ho imparato a vincere, facendo così mettere gli occhi su di me da parte dei direttori sportivi di squadre professioniste”.

Come quelli di Luca Scinto, professionista dal 1994 al 2002 e ora ds della Southeast Pro Cycling Team. Scinto è di Fucecchio, Trosino di Santa Maria a Monte. La tradizione ciclistica toscana si rinnova: “Ho avuto anche occasione di allenarmi insieme a Fabiana Luperini e a Michele Bartoli. I miei ciclisti preferiti però sono Lance Armstrong, Fabian Cancellara e Alberto Contador”.

Armstrong è stato il campione dei sette tour poi revocati con lo scandalo doping, ma Trosino lo stima lo stesso: “Non ho visto il film The Program (incentrato sul ciclista statunitense, uscito nelle sale italiane a ottobre, ndr) me lo hanno raccontato e penso che non andrò a vederlo perché non mi è piaciuto come hanno mostrato agli occhi della gente estranea il ciclismo, infangandolo sempre di più e descrivendolo in modo macabro”.

Capitolo sogni, Trosino ne elenca cinque, due subito realizzabili, gli altri da inseguire: “Spero di correre in gruppo con Cancellara e Contador, dovrei riuscirci visto che sono ancora pro. Poi mi piacerebbe partecipare e magari vincere le mie gare preferite che sono il Giro d’Italia per quelle a tappe e, tra le classiche, la Parigi Roubaix e il Giro delle Fiandre”. Alla giovane promessa non rimane che seguire le orme e chiedere consiglio a Fabiana Luperini e Michele Bartoli per esaudire i suoi sogni. La prima ha conquistato cinque volte la maglia rosa, il campione di San Giovanni alla Vena vinse il Fiandre nel 1996.

René Pierotti
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il dettaglio sui contagi registrati nelle ultime 24 ore sul territorio. In Provincia di Pisa oltre 1.600 positività, mentre in Regione sono 13.720
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Domenico De Petra

Martedì 18 Gennaio 2022
Onoranze funebri
PUBBLICA ASSISTENZA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità