QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 11°21° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 22 aprile 2019

Cronaca domenica 01 giugno 2014 ore 18:55

Uccisa a coltellate dal marito

La vittima Sandra Fillini e il marito Roberto Barbieri

La dottoressa della Asl aveva 53 anni, era in servizio al distretto della Val di Cecina, ma fino a poco tempo fa aveva lavorato al 118 di Pontedera



PROVINCIA DI PISA — La dottoressa Sandra Fillini di 53 anni medico della Asl originaria di Larderello è stata uccisa a coltellate nel pomeriggio di domenica primo giugno a Castelnuovo Val di Cecina. A commettere l'omicidio sarebbe stato il marito Roberto Barbieri, 55 anni ora in stato di arresto. L'uomo dopo aver sferrato le coltellate alla donna all'interno dell'abitazione, avrebbe chiamato il 118 e i carabinieri.

Barbieri è un operaio Enel originario dell'Amiata che recentemente si era anche candidato alle elezioni amministrative e dal quale la donna si stava separando. Nel pomeriggio, nel bel podere di famiglia a pochi metri dal paese, i coniugi avrebbero avuto l'ennesima lite e l'uomo,  in preda a un raptus, avrebbe afferrato dei coltelli colpendo la moglie più volte, fino ad ucciderla. Poi, resosi conto dell'accaduto, sconvolto, sarebbe entrato nella stanza del figlio più piccolo che, intento ad ascoltare la musica con le cuffie nelle orecchie, non si era accorto di nulla e a lui l'uomo avrebbe confessato di aver ucciso la madre.

Immediato l'arrivo dei carabinieri, allertati da un'amica di famiglia contattata telefonicamente dall'omicida stesso, che hanno tratto in arresto il 55enne e poi dei soccorritori del 118, ma ormai per la dottoressa Fillini non c'era più nulla da fare. Sul posto è arrivata anche il pubblico ministero di turno Lydia Pagnini. L'omicida dopo alcune ore è stato trasportato alla caserma di Larderello, dove è stato sottoposto ad interrogatorio per confermare la sua confessione. In seguito verrà probabilmente trasferito al carcere Don Bosco di Pisa.

La salma di Sandra è rimasta al piano terra dell'abitazione fino alla mezzanotte di domenica, in attesa che fossero eseguiti tutti i rilievi. Il corpo della donna è stato poi trasportato a Pisa per l'autopsia del medico legale.

Sconvolto tutto il paese. I vicini, abituati da tempo alle liti dei coniugi, descrivono il legame dei due coniugi come un matrimonio in crisi, al quale Roberto non accettava di mettere la parola fine. La dottoressa era tornata da pochi mesi a vivere nella casa di famiglia, dopo un periodo di separazione.

I due erano molto conosciuti in tutta la Val di Cecina. Sandra è stata medico del 118 a Castelnuovo Val di Cecina, ha lavorato all'ospedale di Volterra e di Pontedera e attualmente era impiegata al distretto socio sanitario di Larderello ed a Volterra. Aveva perso i genitori giovanissima a causa di un incidente stradale e dal matrimonio ha avuto due figli, uno di 17 ed uno di 21 anni.

Roberto, è nato il 1 novembre 1959 a Piancastagnaio in Provincia di Grosseto, dove vive la sua famiglia d'origine; oltre che impiegato Enel, è stato un esponente del Pd locale, dove ha ricoperto anche la carica di segretario del circolo di Castelnuovo ed era candidato al consiglio comunale alle amministrative dello scorso 25 maggio.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Sport