QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 13° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
domenica 26 gennaio 2020

Cronaca giovedì 06 marzo 2014 ore 12:46

Una lettera per salvare le volpi

​La Provincia ha fatto dietrofront sulla decisione di abbattere 500 volpi, ma la risposta non convince i cittadini



VALDERA — La posizione è della provincia di Pisa, pur avendo sospeso il piano di controllo faunistico che prevede la soppressione di circa 500 volpi, rimane non legata a una scelta politica ma alla paura di ricorsi e burocrazia che potrebbero costare all'ente molto cari in termini economici. In una nota stampa dell'ente infatti si legge: "La decisione pur sottolineando la correttezza formale e normativa degli atti sospesi, è motivata dalla volontà di evitare, se possibile, i costi e le lungaggini del possibile contenzioso formale e dalla ravvisata necessità di ricondurre in un ambito di maggiore informazione e partecipazione alle scelte inerenti tale argomento le associazioni provinciali ambientaliste, agricole, venatorie e gli Ambiti territoriali di caccia presenti nella Consulta faunistico-venatoria provinciale". Una risposta che non ha convinto fino in fondo gli ambientalisti, dal momento che non esclude la possibilità in futuro di ritornare a soluzioni di contenimento della popolazione delle Volpi attraverso l'attività venatori.

Alla nostra redazione è arrivata una lettere aperta inviata da una cittadina Alessandra Pollina e indirizzata alla Provincia di Pisa al presidente Pieroni e all'assessore allo sviluppo rurale, alla forestazione e alla difesa della fauna. La riportiamo integralmente.

“Scrivo per unirmi alla richiesta di molte persone di annullare immediatamente la prevista uccisione di centinaia di volpi sul territorio. Più persone hanno segnalato la notizia della decisione della Provincia di Pisa di uccidere 500 volpi sul territorio. Anche in questo caso, come già in altre province, il metodo è quello della "caccia in tana": i cani vengono aizzati contro le volpi e cercano di farle uscire dalle tane, facendo così strage soprattutto di mamme e cuccioli.

Le istituzioni non possono essere mandanti di una tale ingiustificabile violenza. Oltre a questo, è davvero necessaria una diminuzione del numero di volpi? A che pro? Affinché non facciano concorrenza ai cacciatori in quanto predatori? In secondo luogo, non ha davvero senso un intervento dell'uomo per regolare la natura: il numero corretto di animali in un dato territorio viene raggiunto in modo naturale, com'è sempre stato. L'intervento dell'uomo causa spesso solo danno, e in ogni caso un intervento cruento non è mai auspicabile. Chiediamo alle istituzioni di ascoltare la maggioranza della popolazione, che è contro la caccia.
Chiediamo pertanto l'annullamento della decisione di uccidere le volpi”.

Alessandra Pollina

L'amore di una volpe salvata - Geoff and Dawn - Nuneaton and Warwickshire Wildlife Sanctuary


Tag

Sardine, Santori: «Ci hanno detto che non potevamo fare una manifestazione»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Cronaca

Sport