QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 12° 
Domani 11° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
lunedì 25 marzo 2019

Attualità lunedì 06 ottobre 2014 ore 13:55

Una scogliera per evitare nuove alluvioni

Iniziati i lavori per rafforzare l'argine che cedette. Turini: "Istalleremo dei totem informativi". Arrivano gli ultimi contributi per le famiglie



PONSACCO — Soldi alle famiglie alluvionate, ripristino e rafforzamento degli argini con una scogliera, totem informativi, studio e progettazione. Sono i temi presentati stamani nel corso della conferenza stampa sugli interventi messi in atto dall'amministrazione comunale dopo l'alluvione dello scorso 31 gennaio. “Le famiglie che avevano diritto al contributo alluvionati di cinquemila euro e che non lo hanno ancora ottenuto possono stare tranquille, i soldi arriveranno” assicura l'assessore ai lavori pubblici Emanuele Turini. Erano 68 le famiglie con reddito inferiore a 36mila euro che avevano presentato domanda e che avevano avuto responso positivo: “La Regione fin'ora ha erogato il 75% dei contributi, quello che manca verrà versato a breve. Delle 68 famiglie aventi diritto – spiega - nessuna resterà fuori”.

Ma per evitare che si ripeta un'alluvione sono già partiti i lavori della Provincia: “Nel tratto arginale alluvionato lo scorso anno è prevista la costruzione di una scogliera – dice Turini – inoltre verrà fatto un lavoro di miglioramento all'argine di Camugliano”. I lavori di messa in sicurezza non si limitano agli argini: “Abbiamo assunto due persone a tempo determinato per la pulizia delle caditoie. Se ci sarà bisogno interverremo anche con l'autospurgo”.

Anche l'informazione è importante per prevenire disagi: “Istalleremo dei totem informativi in vari punti della città. Servirà alla Protezione civile per notificare ai cittadini la situazione meteo, ma questi pannelli saranno utili anche per altri settori amministrativi”.

E sempre nell'ottica della prevenzione Turini conclude: “Abbiamo richiesto alla Regione un finanziamento per il 2015. I soldi serviranno per uno studio approfondito sugli argini del fiume, per capire la composizione e affrontare un progetto di messa in sicurezza più capillare. Sarebbe il primo studio sugli argini”.

loading...


Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità