Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:32 METEO:PONTEDERA12°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
sabato 10 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Rubavano nella mensa dell'ospedale: il bottino da 24mila euro in appena due mesi

Attualità martedì 20 gennaio 2015 ore 09:30

Viabilità rivoluzionata nell'area Pip a Ponticelli

Collegamenti più veloci con la provinciale Francesca e con la superstrada Fipili. Per la nuova denominazione il Comune ha scelto il tema del lavoro



SANTA MARIA A MONTE — Giovedì, 22 gennaio, sarà aperta la viabilità dell’area Pip di Ponticelli.

La nuova viabilità collegherà la zona del Piano per l'insediamento produttivo (in sigla Pip), posta in prossimità del confine col Comune di Castelfranco di Sotto, sia alla Francesca bis sia alla via Francesca, rendendo più agevole il collegamento con la superstrada.

“Il completamento della viabilità giunge dopo anni dalla sua progettazione. Se quest'opera fosse stata realizzata negli anni scorsi, oggi sarebbe stata un polo produttivo importante e attivo. La mancata tempestività dell'attuazione del Pip da parte dell'amministrazione precedente ci consegna oggi un'area produttiva importante per la sua viabilità ma in ritardo coi tempi”, dice il sindaco Ilaria Parrella.

Aggiunge l'assessore alle Attività produttive, Roberto Michi: “Il percorso che ha portato all'apertura della viabilità è stato impegnativo. La realizzazione delle opere di urbanizzazione hanno coinvolto il Comune per diversi anni e ha incontrato una serie di difficoltà che, da quando siamo entrati in carica, abbiamo cercato di superare nei tempi più brevi possibili. Come amministrazione lavoreremo quanto prima a un bando per l’assegnazione delle aree. L'auspicio è che il mondo delle imprese e degli artigiani, possano cogliere le opportunità offerte e le traducano in generazione di ricchezza da riversare sul territorio”.

Per quanto riguarda la denominazione della nuova viabilità si è voluto caratterizzare quest'area dedicandola al tema del lavoro.

“Abbiamo scelto di intitolare la nuova strada, che dalla rotatoria conduce alla provinciale Francesca – si spiega – a uno dei padri dello statuto dei lavoratori Giacomo Brodolini, l'altra nuova strada abbiamo voluto dedicarla sempre al lavoro ma in particolare alle donne intitolandola Via 8 marzo, e di conseguenza Largo 8 marzo a memoria e ricordo pieno di forti significati e valori per il mondo delle donne. Le strade di collegamento tra le due viabilità principali dell'area sono state dedicate a Bruno Buozzi, figura autorevole del sindacalismo, agli artigiani con Via Degli Artigiani e Via Caduti del Lavoro”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Covid, sei hanno un'incidenza superiore a 250 casi settimanali su 100mila abitanti, altri due invece in sette giorni non hanno avuto nuovi contagiati
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca