Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:07 METEO:PONTEDERA10°20°  QuiNews.net
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
mercoledì 27 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio a Catania: le immagini dall'alto con il drone, danni ingenti

Cronaca domenica 15 agosto 2021 ore 12:30

"Bisogna dire grazie ai volontari antincendio"

Volontari nella notte a Vicopisano (foto Pubblica Assistenza Pisa)

Incendio sul Monte Pisano, iniziata la bonifica. Una decina le famiglie evacuate. Il ringraziamento alle squadre che hanno lavorato tutta la notte



VICOPISANO — "Bisogna dire grazie ai volontari antincendio che hanno lavorato tutta la notte, riuscendo a circoscrivere le fiamme. Questa mattina sono iniziate le operazioni di bonifica e l'intervento dei mezzi aerei serve a scongiurare la ripresa del fuoco", queste le parole del vicesindaco Andrea Taccola al termine di una lunga notte per Vicopisano, alle prese con un incendio sul monte partito attorno alle 18,30 di ieri in località Capitano.

Volontari impegnati nella bonifica (foto Cvt)

Sospinte dal vento le fiamme si sono propagate velocemente verso est, divorando una pineta e diversi oliveti. La preoccupazione era che l'incendio potesse raggiungere località San Jacopo, dove sono presenti numerose abitazioni. Ma il fronte del fuoco è stato bloccato, grazie all'incessante lavoro di vigili del fuoco e volontari arrivati da mezza Toscana

"Le famiglie evacuate (circa una decina, ndr) sono state ospitate da parenti e amici, alcune anche in un bed&breakfast - ha riferito Taccola -. C'era preoccupazione per un'abitazione ma stamani possiamo dire che è stato soltanto lambita dalle fiamme". Anche alcuni turisti, che erano ospiti al frantoio e in alcune case vacanza, al momento dell'ordine di evacuazione si sono allontanati di loro iniziativa.

Per le case lambite dalle fiamme sono in corso verifiche per valutare eventuali danneggiamenti. Nessun persona è rimasta coinvolta: si parla di un volontario caduto a terra e soccorso ma non ha avuto bisogno di cure mediche. Al momento è ancora in vigore l'ordinanza di evacuazione che riguarda le località La Lastra, Palazzetto, Novaia e Capitano.

Si è parlato di 25 ettari di terreno interessati dall'incendio ma per Taccola la stima è da ridimensionare: "Dalle ultime valutazioni fatte questa mattina il fuoco ha distrutto circa 16 ettari di terreno, comunque non più di venti. Adesso è importante la bonifica, perché attorno a mezzogiorno è previsto il rafforzamento del vento e dobbiamo scongiurare la ripresa di focolai. Per questo l'intervento dei mezzi aerei, arrivati alle prime luce del giorno, è stato fondamentale, a completare quanto fatto da vigili del fuoco e volontari nella notte. Cui bisogna dire grazie, grazie davvero".

Già dalle 3 di questa notte l’incendio risultava arginato anche nel suo ultimo fronte di resistenza, la gola di San Jacopo. "Un lavoro enorme, professionale e incessante, concentrato in poche ore, al cospetto di un rogo tremendo - ha sottolineato Taccola -, per la continua minaccia alle case e per la potenza delle fiamme".

Il direttore delle operazioni AIB-Antincendio Boschivo, Giuliano Casalini, conferma che è iniziata la bonifica su tutto il perimetro dell’incendio. Le zone colpite dall'incendio sono località Spazzavento, località Palazzetto, località La Lastra e località Novaia, sul crinale del Monte Capitano da dove, in una oliveta, c’è stato l’innesco del rogo, propagatasi in fretta per le condizioni climatiche.

"Finora sono stati attivi tre elicotteri ed è arrivato un canadair - hanno informato dal Comune -. Da adesso saranno in azione, alternandosi, 2 elicotteri, uno in prontezza operativa e uno che interverrà sulle operazioni di bonifica per non lasciare mai scoperto il Monte, dal fondamentale supporto dall’alto, in questa fase così delicata e alla quale dedicare massima e capillare attenzione".

"Sono state coinvolte circa 70 associazioni di volontariato - ha spiegato il consigliere alla Protezione Civile, Nico Marchetti - antincendio e di soccorso, che hanno svolto un lavoro egregio, come e più di sempre, anche a loro, insieme a tutte le forze dell’ordine dispiegate va il ringraziamento dell’amministrazione. Fondamentale è stato il lavoro di coordinamento del Centro Intercomunale del Monte Pisano, sempre attivo e di insostituibile sopporto al COC-Centro Operativo Comunale, subito aperto appena scattata l’emergenza. Ringrazio anche Giovanni Niccolai che si è messo subito a disposizione per ospitare alcune persone evacuate, senza risparmiarsi anche durante la notte, Le belle torri e L'Ortaccio che hanno instancabilmente rifornito, con pasti e acqua, e sostenuto le squadre sul Monte, la società Acqua e Terme di Uliveto, già a distribuire acqua dalla prima mattina, Don Tadeustz Dobrowolski che ci ha dato piena disponibilità del campo vicino alla Pieve per il centro di coordinamento assistito”.

”In momenti così drammatici e concitati  - ha commentato il sindaco Matteo Ferrucci, lontano da Vicopisano per vacanza - in cui c’è una spropositata mole di cose da fare in brevissimo tempo si omettono magari alcuni ringraziamenti. Ma oggi sono più che mai imprescindibili. Ieri in un lampo si è messa in moto una grande macchina di coordinamento, operativa e organizzativa di altissimo livello. Tutti, dai dipendenti al lavoro in Comune, anche oggi, al Vicesindaco Andrea Taccola, alla Giunta e a numerosi Consiglieri Comunali, sia nel COC che sul territorio, al Prefetto Giuseppe Castaldo, al Presidente della Provincia, Massimiliano Angori, a tutti i Sindaci della zona che mi hanno contattato per offrire aiuto, al Presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, al Presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, e alla Assessora Alessandra Nardini, che hanno monitorato costantemente la situazione, garantendo sostegno nell’immediato e nelle fasi successive, hanno agito in perfetta sinergia. E il risultato di fare squadra, come istituzioni e associazioni per supportare chi è sul Monte a domare il fuoco, è quello di poter già iniziare la bonifica, come ha detto il D.O. Casalini".

"Ringrazio ancora una volta la comunità - ha concluso il primo cittadino -, la sua risposta è stata estremamente generosa, come sempre, e tutti coloro che hanno offerto un posto per dormire, un pasto, un riparo per gli animali, un aiuto per qualsiasi esigenza. Guardando il Monte, oltre la paura di questa notte e il dolore intenso che stiamo, di nuovo, provando davanti al nostro monumento naturale così ferito, cerchiamo di non dimenticare che già più volte ce l’abbiamo fatta a rialzarci. Ce la faremo anche stavolta a nome dell’Amministrazione posso dire che metteremo in campo ogni sforzo e ogni azione concreta, con tutto l’aiuto che ci è stato garantito, perché ciò avvenga prima possibile. Ancora grazie!”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il cantiere si prolunga e arriverà fino a metà dicembre. La chiusura del ponte sull'Arno sta provocando disagi per gli automobilisti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Maria Bascherini Ved. Chetoni Gianfranco

Martedì 26 Ottobre 2021
Onoranze funebri
MISERICORDIA Pontedera
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Politica

Spettacoli

Attualità