QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PONTEDERA
Oggi 15°17° 
Domani 13°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News valdera, Cronaca, Sport, Notizie Locali valdera
martedì 31 maggio 2016

LA MADIA E IL CAPANNO — il Blog di Barbara Mori

Barbara Mori

BARBARA MORI - Appassionata cuoca e scrittrice per diletto, si divide rocambolescamente tra lavoro e famiglia, fornelli e PC. Crede profondamente nella necessità di ritornare progressivamente ad uno stile di vita più semplice e naturale e crede anche che questo percorso possa tranquillamente partire da una pentola sul fuoco.

Il respiro delle pietre

di Barbara Mori - martedì 30 giugno 2015 ore 13:20

Quando ero piccola, tutte le volte che mia nonna Berta spennava un pollo mi facevo dare le penne e ci realizzavo un copricapo indiano, poi lo indossavo orgogliosa suscitando l’invidia dei miei compagni di gioco.

I nativi d’America mi hanno sempre affascinato. La loro reputazione è mutata nel corso del tempo, da cattivissimi guerrieri a vittime della presunzione e dell’arroganza degli ultimi arrivati. Io li ho sempre percepiti come esseri più di altri in fortissima simbiosi con la natura, i suoi ritmi, i suoi elementi.

Sfortunatamente la profonda venerazione per nostra madre terra, questa fortissima mentalità di rispetto degli elementi naturali e di conservazione delle risorse non è servita alla loro sopravvivenza ma ne ha fatto comunque una congerie di popoli pacifici, saggi, liberali, fieri con una precisa consapevolezza del proprio ruolo nell’equilibrio universale (“io credo che le pietre respirino. Non riusciamo a percepirlo con le nostre brevi vite” Teeton Lakota, capo Sioux) .

E noi? Il respiro delle pietre ci fa un baffo. Deforestazione, maree nere, scorie nucleari stoccate ovunque (ma non si sa dove), cementificazione incontrollata, isole di plastica grandi quanto la penisola iberica che vorticano nei nostri oceani…

Spesso mi chiedo se possa arrogarsi il diritto di definirsi civile una società che, nonostante il discreto livello culturale raggiunto, distrugge il proprio ambiente e fa scempio delle proprie risorse in disprezzo delle più elementari leggi naturali e in nome del solo, unico, onnipotente dio denaro.

Siamo sicuri che i selvaggi fossero loro?

La tua risposta cercala sul fondo del Sand Creek.

POLLO ALL’AMERICANA

Visto che parliamo di pollo e di America vi propongo un modo di cucinare il pollo saporito ma allo stesso tempo semplice e sano.

  • 1 pollo a pezzi
  • Paprika dolce qb
  • Sale pepe rosmarino salvia aglio qb

Faccio un trito con sale pepe aglio rosmarino salvia mettendo tutto nel mixer, trito finissimamente .

Massaggio ogni pezzo di pollo con questo trito e poi aggiungo la paprika dolce facendola aderire al pollo in modo che in cottura formi una crosticina croccante.

Faccio cuocere i pezzi di pollo su una gratella di ghisa abbrustolendoli molto bene all’esterno su ogni lato. Finisco la cottura in forno a 200° per una mezzoretta.

Buono e sano.

Seguitemi anche su www.ungiaggioloincucina.it

Barbara Mori

Articoli dal Blog “La madia e il capanno” di Barbara Mori